Mer28062017

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home Attualità e Medicina STUDI CLINICI: Cervello 10 volte più attivo di quanto fino ad oggi ritenuto

STUDI CLINICI: Cervello 10 volte più attivo di quanto fino ad oggi ritenuto

 cervello(ANSA 13 MAR)- Il nostro cervello è 10 volte più attivo di quanto fino ad oggi ritenuto. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Science, che potrebbe cambiare la comprensione di come funziona il nostro cervello e portare a nuovi approcci per il trattamento di disturbi neurologici. Alla base della scoperta, una maggiore comprensione della funzione dei dendriti, componenti delle cellule nervose del cervello.
I neuroni hanno una strutture ad albero, il soma, con tanti rami che si estendono verso l'esterno, i dendriti. Il soma genera brevi impulsi elettrici, o picchi, per far comunicare tra loro i neuroni e si riteneva finora che tali impulsi attivassero i dendriti, che a loro volta in modo 'passivo', li inviavano ai soma di altri neuroni. Questo processo era ritenuto essere il modo in cui avviene l'apprendimento e la formazione della memoria. Ma un team dell'Università della California Los Angeles ha scoperto che i dendriti non sono solo conduttori passivi ma sono invece elettricamente attivi, persino più del soma. Ponendo degli elettrodi vicino ai dendriti, gli scienziati ne hanno misurato l'attività per un massimo di quattro giorni in ratti che potevano muoversi liberamente all'interno di un grande labirinto. Hanno così trovato molto più attività nei dendriti che nei soma, circa cinque volte in più mentre i ratti stavano dormendo, e fino a 10 volte in più quando i topi stavano esplorando il labirinto. "Una scoperta rilevante visto che i dendriti costituiscono oltre il 90 per cento del tessuto neurale", commenta Mayank Mehta, autore dello studio, secondo il quale si tratta di un "passo avanti verso lo sviluppo di un computer in grado di pensare come gli esseri umani".