Mer28062017

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home Dalle province VACCINI: Fimmg Lazio smentisce le affermazioni del M5 stelle "Nessun allarmismo, i dati sulle vaccinazioni provengono dal ISS"

VACCINI: Fimmg Lazio smentisce le affermazioni del M5 stelle "Nessun allarmismo, i dati sulle vaccinazioni provengono dal ISS"

 corongiuride(Agenparl) – Roma, 22 feb 2017 – La segreteria regionale della Fimmg (Federazione medici di medicina generale) del Lazio è stata convocata in audizione presso la Regione Lazio in merito al tema della copertura vaccinale. Il segretario regionale Maria Corongiu, a questo proposito, replica al consigliere regionale Barillari (M5S) – DI CUI AGENPARL HA PUBBLICATO LE AFFERMAZIONI (Leggi QUI) – dicendosi "basita per le accuse ricevute dal consigliere in merito al presunto allarmismo innescato".
"Le parole riportate dal consigliere Davide Barillari del Movimento 5 Stelle mi fanno capire che non ha compreso il contesto in cui sono state dette. In merito alle vaccinazioni infantti ho portato l'esempio della Romania. Sulla base dei dati divulgati sul portale dell'Istituto superiore di Sanità (Iss) in merito al morbillo si parla di epidemia. Tant'è che in Romania ci sono stati casi importanti portando la copertura vaccinale da 95 all'86 per cento. La Romania a oggi vanta nella UE il primato dei casi di morbillo con addirittura 14 bambini morti. In Italia invece siamo al 24 per cento dei casi rispetto al resto d'Europa. Questo non è allarmismo, sono fatti e sono numeri – chiosa la Corongiu -. Vale a dire che le mie parole sulla mortalità sono riferite a questi dati".
Per quanto riguarda il nostro Paese i dati su base epidemiologica riportano che "la copertura vaccinale si sta abbassando anche da noi. Nel Lazio siamo all'86,47 per cento ma dobbiamo anche sottolineare che i casi di morbillo nel 2016 sono stati in tutta la penisola 844. A oggi siamo a 238 in questi primi due mesi dell'anno su una maggoranza di tre regioni: Lazio, Piemonte e Lombardia -precisa la Corongiu -. In merito a questi numeri la Fimmg afferma che l'Italia non vuole fare la stessa fine della Romania. Pertanto vorremmo invitare il consigliere Barillari a reperire i dati discussi sul portale dell'Iss, a studiarli e a informarsi di conseguenza per non incorrere in affermazioni e interpretazioni fallaci".