Ven07082020

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home Dalle province CARENZA MEDICI : 115 nuovi a Roma altrettanti nel Lazio Bartoletti (Fimmg) la Regione segua l'esempio del Ministro a tutela del SSN, serve un cambio di passo deciso

CARENZA MEDICI : 115 nuovi a Roma altrettanti nel Lazio Bartoletti (Fimmg) la Regione segua l'esempio del Ministro a tutela del SSN, serve un cambio di passo deciso

 specializzazioni mediche thumb medium250 250COMUNICATO STAMPA In questi giorni 115 giovani medici di medicina generale stanno iniziando a lavorare a Roma, 138 nei comuni del'hinterland. Altri 99 prenderanno servizio nei territori delle altre province del Lazio. In totale si tratta di 352 giovani. Il prossimo anno saranno il doppio." Significa che quest'anno cambieranno medico nella nostra Regione circa un milione di persone. " così il segretario Provinciale della Fimmg la federazione di medici di famiglia Pier Luigi Bartoletti "Entra in campo una nuova leva di professionisti. Non metterla in condizione di lavorare al meglio sarebbe peccato mortale, anche perché la carenza di medici inizia a farsi sentire in modo serio. Per esempio in località Lunghezza, a Roma 2000 persone sono senza assistenza di base poiché non c'è chi sostituisce il titolare andato in pensione. Il fenomeno della carenza registra una decisa accelerazione perché i medici lasciano il lavoro tra i 65 e i 68 anni invece che ai 70 come considerato da ogni proiezione basata su dati storici. Nel sistema è' in atto un profondo cambiamento" continua Bartoletti " e occorre correre ai ripari. Ne è cosciente il Ministro della salute Speranza che punta al potenziamento della medicina generale come unico baluardo per evitare che dilaghi la diseguaglianza nell'accesso alla sistema sanitario pubblico. Negli ospedali l'uguaglianza è garantita e praticata , sul territorio no, è sempre più un far west dove vince il più forte economicamente. Qui si gioca la partita contro la privatizzazione selvaggia. Sarebbe dunque il caso che la Regione Lazio, prendesse in considerazione le indicazioni ministeriali e uscisse dal letargo in cui versa da oltre un anno proprio sul tema della sanità territoriale." conclude il segretario "Occorre su questo versante strategico un cambio di passo deciso per evitare che nel frattempo siano sempre di più i cittadini costretti a pagarsi visite e controlli a causa delle interminabili liste di attesa. Gli ottimi dati sulla copertura vaccinale antinfluenza testimoniano che quando i medici sono chiamati a fare la loro parte i risultati arrivano. Dunque non si perda altro tempo. "