Dom15122019

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home Evidenza ECM: nel 2020 partono le sanzioni. Ecco le risposte per chi non è ancora in regola con i crediti

ECM: nel 2020 partono le sanzioni. Ecco le risposte per chi non è ancora in regola con i crediti

 ECM2 thumb large300 300DOCTOR 33 : (Mauro Miserendino) Strutture private che segnalano carenze formative ai dipendenti e possibili conseguenze sul rapporto di lavoro; casi di decadenza dalla graduatoria di un concorso per pochi crediti Ecm mancanti; e provider che in occasione del "black friday" offrono corsi in saldo al 50%. In pratica, è scattata la corsa agli ultimi crediti. C'è un po' di panico tra chi non è in regola.
Dal triennio formativo 2020-22 scattano le sanzioni ordinistiche
(avvertimento, censura, sospensione, radiazione in ordine crescente di gravità) per chi non sia in regola con i punteggi. Sanzioni da aggiungere alle possibili difficoltà ad assicurarsi per il medico insufficientemente aggiornato, e al decreto attuativo legge Gelli secondo cui dal 2023 ai fini della eventuale condanna di un camice portato in giudizio per un danno a un paziente il giudice valuterà il mancato aggiornamento, attestato dai crediti di formazione continua conseguiti al 31 dicembre 2022.
Al 2016 circa il 40% dei professionisti non aveva completato i 150 crediti del triennio formativo. Per rimediare alle lacune, una determina della Commissione nazionale formazione continua-Cnfc ora consente di utilizzare il triennio formativo 2017-19 per recuperare anche i crediti mancati nel precedente 2014-16, di ottenere 30 crediti di riduzione se nel triennio 2014-16 si era acquisito un alto numero di crediti, di totalizzare fino al 20% dei crediti con autoformazione. Una determina successiva permette di ridurre da 150 a 75 il numero di crediti formativiper l'attuale triennio se si vive in territori colpiti dai terremoti del 2016 e 2017. Infine, a Bari la Federazione degli Ordini ha dato la possibilità agli iscritti medici e odontoiatri di accorpare i trienni: significa che il discente decide lui come spalmare i crediti acquisiti secondo convenienza, sul triennio 2014-16 o su quello 2017-19. Inoltre, è prorogata a tutto il 2019 la chance di aderire al dossier formativo con i relativi vantaggi. Di più: la Fnomceo ha attivato un Dossier formativi di gruppo per definire un nucleo di temi professionali trasversali, che contribuiscano a costruire il portfolio delle competenze dell'iscritto. E come ha spiegato a Palermo in questi giorni il presidente Omceo Salvatore Amato, «il dossier, esteso a tutti gli iscritti agli Albi, medici e odontoiatri consente di acquisire i 30 crediti Ecm obbligatori del triennio formativo 2017-2019 entro il prossimo 31 dicembre».
La Fnomceo ha richiesto agli ordini la documentazione dei crediti, a loro volta monitorabili nella banca datidel Consorzio gestione anagrafica professioni sanitarie-Cogeaps, ma ha pure invitato i direttivi provinciali a sensibilizzare gli iscritti, e pensa a criteri per pesare le situazioni individuali, come l'evidenza di un rapido recupero del "discente" rispetto al gap originario. Non è esclusa un'ulteriore determina per venire incontro alle esigenze dei medici.
All'ultima riunione della Cnfc, a Roma, era presente Roberto Speranza, ministro della Salute, e ha spiegato che l'Ecm è tassello chiave nella valorizzazione del personale del Servizio sanitario e nella salvaguardia del sistema salute in Italia.
Il presidente Fnomceo Filippo Anelli parla del 2020 come anno di grandi cambiamenti. «La formazione continua - è il messaggio di Anelli al Tg Sanità di Fnomceo- è essenziale per conferire qualità alle competenze dei professionisti sanitari, le parole del ministro sono una spinta a ad ottemperare a una riforma di un sistema formativo nato 20 anni fa e oggi messo alla prova dai nuovi bisogni dei professionisti».
A fianco della necessità di "sartorializzare" eventuali situazioni di casi singoli, c'è quella di accelerare nell'acquisizione dei crediti e nel raggiungimento del fabbisogno. I corsi vanno fatti, è la parola d'ordine; la Fnomceo in particolare esorta gli iscritti a puntare sulla formazione a distanza gratuita della piattaforma FadInMed, di educazione continua a distanza che offre crediti su antibioticoresistenza (13 da Antimicrobial stewardship), salute di genere (8), contenimento della meningite (8), codice deontologico (12), sul "nascere in sicurezza" (14): alla piattaforma è possibile iscriversi dal sito Fnomceo