Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

CORONAVIRUS: Italia Zona rossa misure restringenti su tutta la penisola limitati gli spostamenti e le aggregazioni stop al campionato di calcio.

 coronaITALIAVietati tutti gli spostamenti  se non per comprovate necessità, in tutto il paese stop a tutti gli eventi sportivi, scuole chiuse fino al 3 di aprile non blocco solo delle regioni del Nord ma blocco di OGNI spostamento , divieto di assembramenti anche all’esterno Bar e ristoranti chiusi alle 18. Un Italia chiusa contro il coronavirus che limita la liberta’ per limitare la diffusione della malattia.  Nessuna restrizione nei trasporti pubblici . "Abbiamo adottato una nuova decisione che si basa su un presupposto: tempo non ce n'è", I numeri ci dicono che stiamo avendo una crescita importante dei contagi, delle persone ricoverate in terapia intensiva e subintensiva e ahimè anche delle persone decedute. La nostre abitudini quindi vanno cambiate. Vanno cambiate ora. Ho deciso di adottare subito misure ancora più stringenti, più forti". Il provvedimento è quello atteso e ormai ritenuto inevitabile: "Sto per firmare un provvedimento che possiamo sintetizzare come 'io resto a casa'. Non ci sarà più una zona rossa nella penisola. Ci sarà l'italia zona protetta, sono pienamente consapevole della gravità e della responsabilità", spiega Conte. "Non possiamo permetterci di abbassare la guardia. E' il momento della responsabilità e tutti l'abbiamo. Voi cittadini tutti con me. La decisione giusta oggi è di restare a casa. Il futuro nostro è nelle nostre mani". Il premier parla dei trasporti pubblici ovvero : "Non è all'ordine del giorno una limitazione dei trasporti pubblici, per garantire la continuità del sistema produttivo e consentire alle persone di andare a lavorare", precisa il premier. Sarà possibile "l'autocertificazione" per la giustificazione degli spostamenti, "ma se ci fosse una autocertificazione non veritiera ci sarebbe un reato".

IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA

<< Indietro