Mer10082022

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg Farmaci ANTIBIOTICO RESISTENZA: Secondo ricerca italiana antibiotici senza ricetta da un farmacista su tre facile l'abuso di farmaci

ANTIBIOTICO RESISTENZA: Secondo ricerca italiana antibiotici senza ricetta da un farmacista su tre facile l'abuso di farmaci

 farmaci-on-line thumb medium250 250Si parla di antibiotico resistenza ma non si menziona assolutamente la possibilità che i cittadini l'antibiotico lo acquisiscano senza il parere del medico. Su questo argomento è stato svolto unao studio statistico dove nelle farmacie italiane più di un farmacista su tre ammette di dispensare antibiotici senza la ricetta medica, anche se due terzi di loro dichiara di avvertire i pazienti sui potenziali effetti collaterali e più di uno su due dice di informare sull'importanza di completare l'intero ciclo di cura.
Lo studio condotto da cinque ricercatori italiani (Aida Bianco, Francesca Licata, Alessandro Trovato, Francesco Napolitano, Maria Pavia) della Scuola di medicina dell'università di Catanzaro e del dipartimento di Medicina sperimentale dell'università Luigi Vanvitelli di Napoli è stato condotto tra il luglio 2019 e il febbraio 2020 mediante interviste a un campione rappresentativo di farmacisti del territorio, la ricerca è stata pubblicata il mese scorso sulla rivista Antimicrobial agents and chemotherapy dell'American society for microbiology. Un questionario anonimo in cinque sezioni, strutturato e convalidato, che ha consentito di raccogliere idati
Quindi il 37,1% degli intervistati ammette di essere stato coinvolto nella dispensazione di antibiotici senza ricetta, anche se il 93,7% sa che è vietata. «La stragrande maggioranza» recita l'abstract dello studio «ha affermato di aver sempre/spesso chiesto ai clienti le proprie allergie ai farmaci (95,5%) e la propria storia farmacologica (82,5%). Due terzi (66,2%) hanno avvertito i propri clienti sui potenziali effetti collaterali dei farmaci e il 55% ha informato sull'importanza di completare l'intero ciclo di antibiotici». La motivazione addotta più diffusamente per giustificare la dispensazione di antibiotici senza ricetta è stata quella di venire incontro al cliente che aveva difficoltà a consultare il medico.
Due le conclusioni cui perviene lo studio: primo, la percentuale di antibiotici dispensati senza ricetta è «considerevole, quindi potrebbe essere facile per i pazienti abusare di questi farmaci;
secondo, le politiche dirette a contrastare le antibiotico-resistenze dovrebbero prevedere interventi per incrementare il rispetto delle normative sulla prescrizione e dispensazione dei farmaci antibiotici.