Mar17102017

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia PROFESSIONI: ENPAM, via all' iscrizione dei medici laureandi obiettivo costruire un 'futuro previdenzialè già dall' Università

PROFESSIONI: ENPAM, via all' iscrizione dei medici laureandi obiettivo costruire un 'futuro previdenzialè già dall' Università

 enpam-sede(ANSA) - ROMA, 05 OTT - Ufficialmente aperte le iscrizioni all'Enpam (Ente previdenziale dei medici e degli odontoiatri) per gli studenti del V e VI anno dei corsi di laurea in Medicina e Odontoiatria, dando così la chance «a dei futuri professionisti di costruirsi una posizione previdenziale di primo pilastro, prima di aver terminato gli studi». A rammentarlo, in una nota, è la stessa Cassa pensionistica, dopo che l'opportunità era stata introdotta dalla Legge di stabilità del 2015, ma l'approvazione dei Ministeri vigilanti sulla parte attuativa è arrivata lo scorso mese di settembre. Gli studenti che decidono di anticipare l'ingresso nell'Enpam, si legge, «verranno iscritti alla Quota A del Fondo di Previdenza Generale», quella gestione in cui figurano «automaticamente e obbligatoriamente» i 'camici bianchì abilitati all'esercizio della professione; l'importo dei contributi è commisurato all'età dell'iscritto, pertanto, si spiega, «chi ha meno di 30 anni versa il minimo (216 euro)» e gli universitari «pagheranno la metà: per il 2017, cioè, il contributo corrisponderà a 9 euro al mese». «Siamo felici di aver aperto quest'opportunità per i futuri colleghi ? ha detto il presidente dell'Enpam Alberto Oliveti a margine del congresso Fimmg, in Sardegna, aggiugendo che »l'iscrizione degli studenti consentirà anche di istituzionalizzare un rapporto tra l'Ente previdenziale e l'università, per realizzare insieme un collegamento migliore tra formazione e lavoro«.