Gio14122017

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia EQUO COMPENSO: L'Antitrust lo boccia per i professionisti perché anticoncorrenziale

EQUO COMPENSO: L'Antitrust lo boccia per i professionisti perché anticoncorrenziale

 mediciospedale(Sole 24 Ore ) Bocciatura senza appello da parte dell'Antitrust per le norme sull'equo compenso per tutti i professionisti (non solo gli avvocati), introdotte al Senato nel decreto fiscale, ora all'esame della Camera. In una segnalazione ai presidenti delle Camere ed al premier, il Garante ha sottolineato che l'equo compenso «in quanto idoneo a reintrodurre un sistema di tariffe minime, peraltro esteso all'intero settore dei servizi professionali, non risponde ai principi di proporzionalità concorrenziale» e si pone «in stridente controtendenza con i processi di liberalizzazione» che hanno riguardato anche «il settore delle professioni regolamentate». Il parere non è vincolante, ma potrebbe indurre il governo, intenzionato a far licenziare il dl fiscale «blindato», ad apportare modifiche al testo nel passaggio a Montecitorio.
Antitrust boccia equo compenso: anticoncorrenziale «La norma, nella misura in cui collega l'equità del compenso ai paramenti tariffari contenuti nei decreti anzidetti, reintroduce di fatto i minimi tariffari, con l'effetto di ostacolare la concorrenza di prezzo tra professionisti nelle relazioni commerciali con tali tipologie di clienti», si legge nella segnalazione, in cui si commenta positivamente l'approvazione della legge annuale per la concorrenza, ma si «osserva con preoccupazione» due temi presenti nel dl fiscale che «sembrano segnare un'inversione di tendenza» nel processo pro-concorrenza: l'equo compenso, appunto, e la riforma della raccolta dei diritti d'autore.
Con l'equo compenso, in particolare, secondo l'Antitrust, «viene sottratta alla libera contrattazione tra le parti la determinazione del compenso dei professionisti (ancorché solo con riferimento a determinate categorie di clienti)», mentre «sarebbero i newcomer», gli ultimi arrivati sul mercato delle professioni, «ad essere pregiudicati dalla reintroduzione di tariffe minime» perché «vedrebbero drasticamente compromesse le opportunità di farsi conoscere sul mercato e di competere con i colleghi affermati». Allo stesso tempo, «la reintroduzione di prezzi minimi cui si perverrebbe attraverso la previsione ex lege del principio dell'equo compenso finirebbe per limitare confronti concorrenziali tra gli appartenenti alla medesima categoria, piuttosto che tutelare interessi della collettività», scrive ancora l'Autorità guidata da Giovanni Pitruzzella. Per l'Antitrust le norme del decreto fiscale in materia di copyright rappresentano «un passo in avanti verso l'apertura alla concorrenza», ma «il processo di liberalizzazione risulta incompleto e solo parzialmente efficace», perché «limita ai soli organismi di gestione collettiva la possibilità di competere con Siae». L'Authority sottolineando che un intervento parziale rischia di mantenere, «di fatto, il monopolio esistente», contrastando una «piena apertura» alla concorrenza.