Gio14122017

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia MEDICI DIPENDENTI : Solidarieta’ della Fimmg e pronti allo sciopero attese da legge di bilancio risposte per lo sviluppo delle cure primarie

MEDICI DIPENDENTI : Solidarieta’ della Fimmg e pronti allo sciopero attese da legge di bilancio risposte per lo sviluppo delle cure primarie

 manifestazione roma medici-2Roma,  (AdnKronos Salute) - «Siamo solidali con la protesta indetta dai medici dipendenti che soffrono l'aumento dei carichi assistenziali dovuti al blocco del turnover e al mancato investimento in formazione specialistica». Lo dichiara il segretario nazionale della Fimmg, Silvestro Scotti annunciando che anche i medici di famiglia sono pronti allo sciopero se non ci saranno risposte concrete sul rinnovo della convenzione e sullo sviluppo delle cure primarie. Scotti rileva come si denoti «una mancata programmazione da parte delle forze politiche che, anche in occasione dell'attuale discussione della legge di bilancio, dimostrano scarsa sensibilità alle necessità di tutto il comparto sanitario, anche verso la medicina convenzionata che soffre maggiormente della mancanza del rinnovo convenzionale sia in termini economici, considerato che la rivalutazione dell'inflazione programmata degli ultimi 8 anni già riscossa dai colleghi dipendenti non è mai stata corrisposta ai medici convenzionati, sia in termini di progettazione delle nuove necessità del territorio». «Apprezziamo le dichiarazioni del presidente del Comitato di settore Garavaglia, che conferma la disponibilità economica per il rinnovo dell'Acn della medicina generale e siamo in attesa di ulteriori provvedimenti in questa manovra indispensabili ad avviare una nuova e concreta stagione di sviluppo delle cure primarie che porti reale beneficio e sostegno ai cittadini ed avvii il necessario percorso di allocazione appropriata delle risorse per la sostenibilità del Ssn. Queste sono state le condizioni per cui già da tempo il Consiglio nazionale della Fimmg ha dato mandato al segretario nazionale e all'Esecutivo nazionale di proclamare lo stato di agitazione della categoria e qualora non ci siano risposte concrete potrebbero essere intraprese azioni di protesta e sciopero», conclude Scotti.