Lun28052018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia BURNOUT: personale sanitario, Il New England fail punto su come affrontarlo

BURNOUT: personale sanitario, Il New England fail punto su come affrontarlo

 mediciospedale thumb other250 250DOCTOR 33- Il burnout del personale medico è un problema multifattoriale che può causare casi di malasanità o prestazioni non all'altezza della situazione, e richiede una soluzione ottenuta con l'impegno di tutto l'ambito sanitario, secondo due articoli pubblicati da opinion leader ed esperti sul New England Journal of Medicine. «Affrontare il burnout richiede effettivamente uno sforzo aggressivo e concertato di influenzatori chiave» afferma Victor Dzau, della National Academy of Medicine Action Collaborative on Clinician Well­Being and Resilience, primo autore di uno dei due lavori. I ricercatori ritengono che la National Academy of Medicine ben si adatti a coordinare gli sforzi di una vasta gamma di soggetti interessati alla questione, e più di 100 organizzazioni nazionali hanno già aderito alla collaborazione sostenendo i suoi quattro obiettivi principali: aumentare la visibilità di stress e burnout dei medici, migliorare la comprensione di base del benessere del medico, individuare soluzioni evidence based e monitorarne l'efficacia. Uno dei primi risultati chiave della collaborazione, atteso quest'anno, sarà una raccolta online di dati, modelli, e kit di strumenti disponibili per tutti coloro che li vorranno applicare. E proprio a proposito di modelli applicati, nel secondo articolo si parla di esempi pratici di successo. «Presso la Stanford University's School of Medicine si è testato un programma pilota di "banca del tempo" per compensare i medici per i momenti che trascorrono in attività che non rientrano nei loro compiti assistenziali e che contribuiscono al loro sentimento di sovraccarico» spiegano Alexi Wright, della Harvard Medical School e del Dana Farber Cancer Institute, e Ingrid Katz, della Harvard Medical School e del Brigham and Women's Hospital di Boston, autori dell'articolo. Il programma prevede che i clinici ricevano come ricompensa prestazioni di lavoro relative anche alla vita domestica, come le pulizie di casa. Presso la Mayo Clinic, invece, la misurazione del benessere del medico è diventata una priorità strategica per identificare le divisioni e reparti che hanno bisogno di aiuto, e ai medici viene anche chiesta una valutazione dei loro diretti superiori. Un altro esempio è un modello adottato dal Department of Family Medicine presso la University of Colorado, il sistema APEX, per cui molti dei processi strutturati coinvolti in una visita sono gestiti da un assistente, lasciando libero il medico di concentrarsi sull'esame clinico e sulla decisione medica, e facendo scendere il burnout dal 53% al 13%.
N Engl J Med 2018. Doi: 10.1056/NEJMp1716845
http://www.nejm.org/doi/10.1056/NEJMp1716845
N Engl J Med 2018. Doi: 10.1056/NEJMp1715127
http://www.nejm.org/doi/10.1056/NEJMp1715127