Sab22092018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia AIFA: Melazzini , infermieri possano prescrivere farmaci, medici gelosi delle loro prerogative professionali

News Italia

AIFA: Melazzini , infermieri possano prescrivere farmaci, medici gelosi delle loro prerogative professionali

 melazzini(Repubblica) di MICHELE BOCCI Gli infermieri potranno prescrivere alcuni farmaci e presidi sanitari. Non si tratta di un desiderata degli stessi professionisti ma di un'idea avanzata dal direttore dell'Aifa, Agenzia del farmaco, Mario Melazzini. Oggi intervenendo al congresso della neonata Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche, Melazzini ha parlato di un percorso "che possa garantire una risposta più funzionale ai pazienti. In molti Paesi questa possibilità già esiste". Ovvio che per portare in fondo l'idea dovranno essere fatte significative modifiche di legge. Ci sarebbe poi da superare l'opposizione dei medici, gelosi delle loro prerogative professionali. Forse per questo Melazzini nel suo discorso ha accennato a un'altra novità, richiesta da tempo dai medici di famiglia. Cioè la possibilità di prescrivere i farmaci innovativi. Fino ad oggi, tra l'altro per motivi di controllo della spesa e dell'appropriatezza, questo tipo di prodotti super costosi dovevano essere indicati da uno specialista, che prepara un piano terapeutico. Questo non piace per nulla ai rappresentanti dei medici di famiglia. Così sembra che Melazzini abbia voluto offrire due proposte apprezzate dai diversi professionisti.
Il direttore ha aggiunto che "tutte le professionalità devono lavorare insieme: medici, operatori sanitari e soprattutto farmacisti". E l'infermiere può essere importante per la cosiddetta farmacia dei servizi, dove non si vendono soltando medicine ma si offrono una serie di servizi sanitari (dalle prenotazioni a certi esami). "Chi meglio
di questi professionisti può essere trait d'union tra le diverse professionalità sanitarie coinvolte nella prescrizione?", ha detto il dg, ricordando anche come diversi Paesi europei hanno aperto a forme di indicazione prescrittiva da parte degli infermieri.