Mer18072018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia INFORMATORE SCIENTIFICO AGGREDITO Fnomceo, preoccupazione per il clima di violenza dilagante

INFORMATORE SCIENTIFICO AGGREDITO Fnomceo, preoccupazione per il clima di violenza dilagante

 violenza"Esprimiamo la nostra piena solidarietà all'informatore scientifico del farmaco che venerdì scorso è stato oggetto di una brutale aggressione da parte di un paziente all'uscita di un ambulatorio medico in provincia di Bari". Così il presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, Filippo Anelli, interviene a commentare l'ennesimo episodio di violenza in ambito sanitario, avvenuto venerdì mattina a Castellana Grotte (BA). La vittima è, questa volta, un informatore scientifico del farmaco: dopo un alterco con un paziente che rivendicava, ottenendola, la priorità nell'accesso allo studio medico, ha trovato fuori ad aspettarlo lo stesso paziente, che gli ha procurato un trauma cranico e lesioni varie per una prognosi di 20 giorni. Solo l'intervento del medico ha posto fine alla furia cieca dell'aggressore. A denunciare il fatto, il presidente della Federazione delle Associazioni degli Informatori scientifici del farmaco e del parafarmaco (Fedaiisf), Antonio Mazzarella.
"Questi episodi di violenza – continua Anelli – sono il sintomo di uno svilimento di tutto quello che ruota intorno al medico e alla medicina e frutto del clima di sospetto per cui gli informatori scientifici sono visti come emissari delle industrie del farmaco se non come corruttori".
"Alla vittima, ma anche a tutti i suoi colleghi, va il nostro sostegno – conclude – e il riconoscimento del lavoro, prezioso quanto difficile, che svolgono nell'aggiornare i medici sui farmaci, in particolare su quelli innovativi, nell'interesse dei pazienti".