Ven14122018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia 75° CONGRESSO NAZIONALE FIMMG: Silvestro Scotti riconfermato Segretario Nazionale, subito al lavoro per nuovi traguardi Medicina Generale ( VIDEO)

News Italia

75° CONGRESSO NAZIONALE FIMMG: Silvestro Scotti riconfermato Segretario Nazionale, subito al lavoro per nuovi traguardi Medicina Generale ( VIDEO)

 SilvestroFimmgSilvestro Scotti è stato riconfermato Segretario Generale Nazionale della FIMMG (Federazione italiana medici di medicina generale).
Nell'ambito del 75° Congresso nazionale, che si è concluso da pochi minuti a Domus de Maria (Cagliari), si sono svolte oggi le elezioni per scegliere la squadra che guiderà il sindacato per i prossimi 4 anni.
Componenti dell'Esecutivo Nazionale e Vice Segretari Pier Luigi Bartoletti, Nicola Calabrese, Fiorenzo Massimo Corti, Domenico Crisarà, Renzo Le Pera, Malek Mediati. Segretario del Segretario Alessandro Dabbene. Giacomo Caudo è stato eletto presidente mentre Stefano Zingoni nominato presidente onorario della FIMMG.
"Il bilancio degli ultimi 2 anni è sicuramente positivo: sono stati raggiunti traguardi importanti – ha sottolineato Scotti – Ora è il momento di rimboccarsi le maniche e mettersi subito al lavoro fissando gli obiettivi per il prossimo quadriennio. Manterremo alta l'attenzione sulla prossima Legge di Bilancio, ribadendo la necessità di investire in salute e di avere conferme sull'aumento del finanziamento del Fondo Sanitario Nazionale, per rispondere efficacemente ai bisogni della popolazione e incidere positivamente sul rapporto deficit/PIL – prosegue Scotti – Bisogna inoltre prevedere provvedimenti legislativi extra FSN che individuino investimenti per favorire la natura imprenditoriale e autonoma della Medicina Generale.
Continuerà il nostro impegno su temi per noi di importanza strategica come il superamento dell'attuale impostazione dei piani terapeutici, per farmaci ormai di primo impiego nell'area della medicina generale.
Ai medici di medicina generale attualmente è impedito di prescrivere questi farmaci, senza nessuna evidenza scientifica e a questo punto riteniamo solamente per motivazioni economiche".