Mer21082019

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia CERTIFICATI INAIL: Nessun compenso puo' essere richiesto all'assistito in attesa del nuovo ACN e andranno fatti solo per via telematica

News Italia

CERTIFICATI INAIL: Nessun compenso puo' essere richiesto all'assistito in attesa del nuovo ACN e andranno fatti solo per via telematica

 inail thumb other250 250In attesa di un decreto attuativo o di altre disposizioni che regolamentino la cosa è possibile dire che alle luce del dispositivo legislativo dell'ultimo Decreto fiscale che.

Nessun compenso attualmente puo' essere richiesto per le certificazioni inail dal 1 gennaio 2019, onde evitare contenziosi futuri è prudente fare così, e dovranno essere fatti solo per via telematica.

Vediamo pero ' nel dettaglio la situazione:

Dal dispositivo legislativo che troverete in allegato si possono trarre, in assenza di ulteriori specifiche che il Decreto non riporta, alcune considerazioni:

Il certificato di Infortunio INAIL rientrerà in Accordo Collettivo Nazionale.
A tal fine l'INAIL trasferisce al bilancio dello Stato, come quota vincolata, la somma di 25 milioni di euro che andrà ripartita in quota parte al personale dipendente, fondamentalmente i PS, e alla medicina convenzionata.
Sin da ora non è ammessa alcuna richiesta di compenso all'assistito.
Il certificato sarà telematico, l'INAIL a fronte di credenziali rilasciate dallo stesso Istituto mette a disposizione i servizi telematici. Quindi nessun cartaceo. E' prevedibile l'aggiornamento dei nostri gestionali di studio per facilitare la compilazione e la trasmissione telematica del certificato.
I certificati finora rilasciati nel 2018 saranno remunerati dall'INAIL, mentre dal 2019 la remunerazione rientra in quota capitaria secondo un valore che deve essere valutato in base alla spesa storica del triennio 2014-2016.
Per gli anni successivi al 2019, tale importo è maggiorato del tasso di inflazione programmato dal Governo.
Tale valore potrà essere rivalutato del 20% ogni due anni in base al volume dei certificati trasmessi. In pratica più certificati saranno trasmessi più l'INAIL è disponibile ad aumentare gli importi.
Ovviamente allo stato attuale non sappiamo in quale momento dell'anno la norma verrà inserita in ACN ma la garanzia della Legge tutelerà gli aspetti economici.

IL TESTO DEL DECRETO FISCALE