Dom15122019

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia PATTO DELLA SALUTE: Anelli (Fnomceo) "Bene Cittadinanzattiva, Ministero Salute e Mef lavorino insieme al futuro del Servizio Sanitario nazionale"

News Italia

PATTO DELLA SALUTE: Anelli (Fnomceo) "Bene Cittadinanzattiva, Ministero Salute e Mef lavorino insieme al futuro del Servizio Sanitario nazionale"

 anelli44 thumb other250 250"Condividiamo l'invito lanciato oggi da Cittadinanzattiva affinché il Ministero della Salute e quello dell'Economia lavorino insieme nella lotta alle disuguaglianze in sanità, confermando il disegno contenuto nella nuova bozza di Patto per la Salute e superando finalmente il modello prettamente economicistico e aziendalistico di gestione del nostro Servizio Sanitario Nazionale".
Così il Presidente della Federazione nazionale degli ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli, commenta le dichiarazioni di Antonio Gaudioso, che definisce il Patto per la Salute "una grande opportunità da non sprecare".
"Ci riserviamo di entrare nel merito dei contenuti del Patto, ma le affermazioni del Ministro della Salute Roberto Speranza che, rispondendo ieri al question time in Aula alla Camera, ha sottolineato come il Patto 'possa essere sempre più lo strumento utile con cui Stato e Governo continuano con coraggio ad investire su un comparto decisivo della vita del nostro Paese' ci rendono ottimisti – continua Anelli -. Il Ministro ha rivendicato a gran voce, insieme a Parlamento e Governo, che si è di fronte a un investimento molto significativo e ha dichiarato definitivamente chiusa la stagione dei tagli al comparto salute".
"Ora è il momento di lavorare tutti insieme, Governo, Parlamento, Regioni, Medici, Professionisti sanitari, Cittadini, per garantire un futuro al nostro Servizio Sanitario Nazionale – conclude -. Futuro che, se queste sono le premesse, appare finalmente possibile".