Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

News Italia

MEDICINA PENITENZIARIA : Di Franco Alberti, Segretario Nazionale Fimmg MED. PEN situazione critica i medici scappano dalle carceri

 carcere 1La situazione nelle carceri italiane è già critica in condizioni normali per il perdurare del sovraffollamento, il rischio di aggressioni fisiche e rischi biologici ai quali è esposto il personale sanitario che vi opera.
Le criticità si sono poi manifestate in maniera drammatica in questi ultimi tempi con i noti episodi di rivolta dei detenuti in vari istituti penitenziari italiani che hanno visto coinvolto in prima persona il personale sanitario che vi opera sfociato nel sequestro del personale medico e altro nel carcere di Melfi, passato inosservato o sminuito dagli organi di stampa.
Questo clima è aggravato dalla non gestione da parte del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria dell'infezione da coronavirus, fino ad arrivare in alcuni istituti a vietare l'uso delle mascherine protettive "perché generebbero un clima di pericolosità all'interno".
Il personale che vi opera teme per la sua incolumità personale e per il clima che si respira all'interno degli istituti.
Nella maggior parte dei casi opera senza o con scarsa dotazione dei DPI, non se ne parla di eseguire tamponi è c'è difficoltà di isolamento per i casi sospetti o provenienti dalla libertà o da altri istituti a seguito di trasferimenti per i noti fatti di cronaca.
Tutto tace, non ci si rende conto che qualora in un istituto si verifichino positività per il coronavirus vista la promiscuità e gli spazi ristretti dove sono costretti a vivere si verificherebbe una situazione veramente tragica
Ci sono problemi per i cittadini liberi, criticità delle terapie intensive, i detenuti che avessero bisogno di terapia intensiva dove andrebbero a finire?
E' necessario prevenire al massimo una situazione del genere per questo con forza chiediamo che ci vengano dati gli strumenti adatti anche per salvaguardare gli operatori sanitari, che cominciano a scarseggiare perché un lavoro non ambito in quanto precario dal 2008 momento del passaggio al SSN, ancora in attesa di un contratto nazionale, di un riconoscimento del lavoro di tipo particolare ( sottolineato da numerose sentenze e dalla Corte Costituzionale ), sottopagati e scarsamente tutelati
In questo clima in cui vengono richiesti medici nelle strutture pubbliche è da temere una fuga all'esterno con conseguenze facilmente intuibili.
Siamo consapevoli delle responsabilità che ci assumiamo durante il nostro lavoro e per questo ripetiamo con forza dateci gli strumenti per operare e nello stesso tempo e si arrivi a un inquadramento giuridico economico adeguato.
IL Coordinatore Nazionale FIMMG Settore Medicina Penitenziaria
Dott Franco Alberti

<< Indietro