Lun25052020

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia ENPAM: Non tassate la solidarietà" lettera al governo

News Italia

ENPAM: Non tassate la solidarietà" lettera al governo

 enpam thumb250 250Dei mille euro destinati ai liberi professionisti colpiti dall'emergenza Covid, 200 euro dovranno essere versati allo Stato in qualità di sostituto d'imposta. La "lettera-denuncia" dell'Enpam al governo è stata pubblicata su tutti i giornali.
Dall'inizio dell'epidemia da Coronavirus, nella nostra Penisola, decine di migliaia di medici e dentisti liberi professionisti hanno dovuto chiudere gli studi, o limitare fortemente l'attività.
A loro, l'Enpam ha destinato, a sue spese, un bonus da 1.000 euro da cui però dovrebbe togliere 200 euro e riversarli allo Stato, come sostituto d'imposta.
Una tassa sulla solidarietà inaccettabile – denuncia l'Enpam nella lettera pubblicata martedì scorso sui principali quotidiani nazionali – in cui si chiede all'Esecutivo di agire subito per eliminare questa assurdità.
Nel frattempo, l'Enpam ha già messo in pagamento, nei giorni scorsi, i primi 45.920 bonus da 1.000 euro agli iscritti che esercitano la libera professione, in condizioni di difficoltà a causa dell'emergenza sanitaria.
Dall'inizio dell'epidemia di Covid-19 – ricorda l'Enpam – decine di migliaia di medici e dentisti liberi professionisti hanno dovuto chiudere i loro studi o limitare fortemente l'attività.
"Tanti, prima abituati a curare i cittadini e a dare lavoro a collaboratori e fornitori – conclude la lettera – si ritrovano oggi a chiedere aiuto per far fronte alle spese che corrono. Anche perché moltissimi camici bianchi che fanno libera professione sono rimasti esclusi dagli aiuti previsti dallo Stato per altri lavoratori autonomi".