Lun19042021

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia VACCINAZIONI: Al via le vaccinazioni con AstraZeneca, la partenza è a rilento le regioni presentano le criticita' dubbi sulle fasce di eta'

News Italia

VACCINAZIONI: Al via le vaccinazioni con AstraZeneca, la partenza è a rilento le regioni presentano le criticita' dubbi sulle fasce di eta'

 zenecaCon le prime 249mila dosi consegnate all'Italia e distribuite, parte al campagna di vaccinazioni con il vaccino Astra Zeneca:, ma le somministrazioni non sono ancora cominciate. Solo poche Regioni inizieranno mentre la maggior parte definirà il programma nel fine settimana o ancora più avanti. . E tra giovedì e venerdì arriveranno altre 292.800 dosi, che saranno poi consegnate entro il fine settimana. Già : in 24 ore tutte le 15.400 dosi arrivate sono state prenotate in Toscana. Parte anche il Piemonte, con forze dell'ordine e polizia municipale, e il Lazio, dove però le dosi non saranno destinate alle categorie del piano, in quanto piuttosto a concludere la vaccinazione dei medici liberi professionisti e degli altri professionisti sanitari under 55 anni.
Si attendono anche nuove indicazioni da parte del neo governo Draghi che gia' nelle consultazioni ha espresso alle Regioni stesse la volonta' di rivedere tutta la logistica e la gestione della campagna vaccinale, anche in vista del prevedibile aumento delle dosi destinate al nostro paese nelle prossime settimane.
Urge poi di far finalmente partire la piattaforma informatica e il call center per la gestione delle prenotazioni e il monitoraggio in tempo reale dell'andamento delle somministrazioni.
Ma ci sono anche problemi organizzativi, visto che ogni regione sta andando per conto suo, che confermano quanto lo stesso Draghi ha sottolineato nei colloqui con i partiti: la necessità di, e
Po ci sarebbero dubbi sul'utilizzo come l'allargamento alle persone over 55 e senza patologie, anche se l'Aifa ha gia' risposto il 2 febbraio: "sulla base dei risultati di immunogenicità e dei dati di sicurezza, il rapporto beneficio/rischio di tale vaccino risulta favorevole anche nei soggetti più anziani senza fattori di rischio" alla quale si aggiunge la precisazione dell'Oms che ne hanno raccomandato l'utilizzo anche per le persone con oltre 65 anni.