Mer20102021

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia VACCINAZIONI : Bartoletti (Fimmg) non siamo imbonitori ma ragioniamo con la scienza valutando rischi-benefici oltre 600mila vaccini fatti negli studi dei medici di famiglia del Lazio

News Italia

VACCINAZIONI : Bartoletti (Fimmg) non siamo imbonitori ma ragioniamo con la scienza valutando rischi-benefici oltre 600mila vaccini fatti negli studi dei medici di famiglia del Lazio

 coronaITALIA thumb other250 250"Sono oltre 600mila vaccini fatti negli studi dei medici di famiglia del Lazio , nonostante le difficoltà di consegna. In tanti ci chiedono se i vaccini funzionano e abbiamo dato risposte su questo. Ci sono i cosiddetti ni-vax che hanno dubbi." Così Pier Luigi Bartoletti, vicesegretario Fimmg (Federazione italiana medici di medicina generale) intervenuto ai microfoni della trasmissione 'L'Italia s'è desta', condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus. " Noi non facciamo un discorso da imbonitori del vaccino, facciamo un rapporto rischio-beneficio e cerchiamo di farli ragionare. Una persona è venuta a chiedere l'esenzione per il vaccino, le ho spiegato che stava chiedendo l'esenzione per le stesse malattie che la classificavano come persona fragile e come categoria prioritaria per il vaccino, alla fine si è fatta il vaccino. Poi ci sono gli ideologici, che sono pochi, ma con questi un medico può fare poco perché si basano su cose irrazionali, è anche frustrante perché se io smonto un argomento ne nasce subito un altro. È capitata anche una famiglia di no vax, che non siamo riusciti a convincere, la madre si è ammalata ed è morta di covid, il figlio è stato ricoverato e ancora adesso ha i postumi della malattia". Lo ha detto