Ven18082017

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Italia

NEWS ITALIA

JOBS ACT: Fnomceo ed Enpam stiano ai tavoli, unica voce che può rappresentare medici e odontoiatri

chersevaniRoma, (AdnKronos Salute) - «Solo Fnomceo ed Enpam rappresentano medici e odontoiatri» nel confronto sul Jobs Act del lavoro autonomo. Lo afferma un ordine del giorno approvato all'unanimità al recente Consiglio nazionale della Federazione nazionale degli Ordini dei medici e degli odontoiatri. La Fnomceo chiede così di essere inserita, per quanto riguarda la professione medica e quella odontoiatrica, nei tavoli tecnici di confronto. «In merito al confronto in corso sul Jobs Act del lavoro autonomo - è il testo dell'ordine del giorno - la Fnomceo ribadisce la propria esclusiva rappresentanza nelle sedi competenti delle due professioni medica ed odontoiatrica in accordo, per i profili di competenza specifica, esclusivamente con la Fondazione Enpam

MORBILLO: Rezza(ISS) , gli atleti non sono immuni rischio massimo tra i 20 e i 30 anni, non vaccinarsi è una boiata pazzesca

pallanuoto(La Stampa) Paolo Russo ROMA I nostri giganti della pallanuoto colpiti dal morbillo possono stupire chi crede che basti essere grandi e forti per tenere alla larga il virus. Ma non Giovanni Rezza, direttore del dipartimento malattie infettive dell'Istituto superiore di sanità, che vede a rischio soprattutto i ventenni e trentenni, che sono stati vaccinati in pochi da piccoli. E che dovrebbero affrettarsi a farlo.
Com'è possibile che il morbillo abbia colpito anche i nostri atleti del Settebello?
«Perché tra atleti e sedentari non fa distinzioni. diciamo che è un virus democratico e poco elitario. Ma c'è poco da scherzare perché siamo di fronte a un'epidemia. E i ragazzi del Settebello, tra i venti e i trent'anni, sono una fascia di età particolarmente esposta. Oggi gli indici di copertura vaccinale tra i bambini sono insufficienti ma pur sempre intorno all'87%. Ma tra i nati venti o trenta anni fa le coperture erano bassissime. Tant'è che l'età media delle persone colpite dal morbillo è di 27 anni».

Ma il virus è così contagioso?
«Contagiosissimo. Pensi che ogni persona che contrae la malattia ne infetta
mediamente 15 non immunizzate. E' uno dei tassi più elevati di contagiosità. Il rapporto
nell'influenza è di 3-4 infettati ogni ammalato, tanto per fare un esempio».

Se si è stati vaccinati da piccoli occorre fare dei richiami? «
Se si sono fatte due vaccinazioni no. La prima si fa a 13 mesi e immunizza al 93%, la seconda intorno ai 4-6 anni e da una copertura quasi totale: il 99%. Quindi se ci è stata somministrata solo una dose sarebbe bene farne una seconda». E se non si è mai stati vaccinati? «Se ci siamo già ammalati di morbillo possiamo essere sicuri che la malattia non tornerà perché abbiamo prodotto gli anticorpi per contrastare il virus. Altrimenti bisogna vaccinarsi, a qualsiasi età».

Chi è più esposto al rischio di contagio?
«Tutti, ma ancor di più chi vive o lavora in luoghi pubblici e affollati. Come le scuole e gli ospedali, dove gli operatori farebbero bene a immunizzarsi. Invece purtroppo spesso proprio medici e infermieri non danno il buon esempio».

Come risponde a chi sostiene che i vaccini indeboliscono le nostre difese immunitarie?
«Che è una boiata pazzesca. I vaccini sono fatti apposta per consentire al nostro sistema immunitario di attrezzarsi a respingere i virus. In larga parte dei vaccini vengono inoculati dei virus del tutto inattivi. In quello per il morbillo si tratta di virus vivi ma attenuati, che non sono assolutamente in grado di far ammalare chi li riceve».

Ma i dati sulla diffusione del morbillo in Italia sono veramente così allarmanti?
«Abbiamo già avuto 3.501 casi dal 1° gennaio. Lo scorso anno erano stati 728 ma in dodici mesi. Male come noi in Europa sta solo la Romania. Solo all'ospedale pediatrico romano del Bambin Gesù ci sono stati 71 piccoli ricoverati per il morbillo, che ha già ucciso due bambini. Forse tre. Mi dica lei se non è un'emergenza».

In Parlamento però c'è chi sostiene che per molti altri virus non c'è un'epidemia in corso che giustifichi l'obbligo di vaccinazione...
«Come la storia del morbillo insegna i vaccini vanno fatti per prevenirle le epidemie. Quando come in Italia le coperture sono troppo basse e poi esplodono c'è poco da fare se non contare le vittime». Il morbillo è contagiosissimo. Ogni persona che contrae la malattia ne infetta mediamente 15 non immunizzate. Con vaccino e richiamo abbiamo una copertura quasi totale: il 99%.

FNOMCEO: mille borse specialistiche in più e raddoppio dei posti per la formazione dei Mmg

medicinfermieri3 thumb other250 250Mancheranno, in un futuro prossimo, i medici opportunamente formati per poter andare a sostituire gli specialisti e i medici di famiglia che andranno in pensione. Secondo una mozione proposta da Filippo Anelli e approvata all'unanimità, saranno 36000 , i medici nel decennio 2017/2026: laureati che non riusciranno a iscriversi né alle Scuole di specializzazione né al Corso di formazione specifica in Medicina generale", senza poter accedere alla Professione, e costretti a emigrare o a accettare condizioni di sottoimpiego. A fronte di questo, ci sarà l'ondata di pensionamenti, che coinvolgerà, nello stesso periodo, il 70% dei medici oggi in servizio. Occorrera' revisionare l'intero sistema formativo; implementando, le procedure concorsuali per i medici dipendenti e incrementando i contratti di formazione specialistica «di per coprire il fabbisogno derivante dal pensionamento nel prossimo decennio degli specialisti operanti nel servizio Sanitario nazionale»; raddoppiare, già da quest'anno, il numero di borse di studio per il corso di formazione in medicina generale; riaprendo i bandi regionali per l'accesso per i laureati non ancora abilitati; incrementando le attività compatibili con la frequentazione del corso. Promuovere poi un coordinamento con il Miur e le altre parti interessate "per una scelta oculata delle date dei concorsi" e reclutare tutte le competenze professionali disponibili nel Ssn per incrementare l'offerta formativa e "integrare il binomio formazione-università".

IL TESTO DELLA MOZIONE

VACCINAZIONI IN FARMACIA:, Fnomceo, Soddisfazione per la mancata approvazione dell'emendamento "Vigilare su riproposizione norma

farmacia thumb other250 250Ad esprimerla, il Consiglio nazionale della Fnomceo, riunito ieri a Siena, che ha approvato una mozione per esprimere "ferma opposizione per ogni ipotesi di nuove norme ordinamentali, derivanti anche da decretazione, che ripropongano la presenza di medici nelle Farmacie". La Fnomceo ritiene infatti "che il lavoro in equipe tra diversi operatori sanitari si debba sostanziare nella messa in rete o nella creazione di spazi che consentano definite allocazioni di competenze, responsabilità e risorse".

Di seguito, il testo della Mozione

MOZIONE CONSIGLIO NAZIONALEbSIENA 14 LUGLIO 201

LA FARMACIA E LE VACCINAZIONI

La FNOMCeO esprime la propria soddisfazione per la non approvazione dell'emendamento Ddl vaccini che prevedeva, all'interno delle Farmacie, la presenza di medici vaccinatori.

La FNOMCeO ritiene che l'unico luogo appropriato per la pratica vaccinale sia rappresentato dalle strutture della Aziende Sanitarie locali e dagli studi dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta che costituiscono una rete più capillare e dotata di adeguato setting professionale, in coerenza con quanto previsto dai LEA.

La Federazione sottolinea come lo svolgimento di attività mediche presso le farmacie esponga a rilevanti rischi di precariato, sotto occupazione, conflitto di interessi se non addirittura di prestanomismo.

Il medico non può essere surrettiziamente assoggettato alla mera logica di impresa, prevedendo il decreto la relazione con la struttura e non con il professionista (Farmacista); solo questa relazione diretta potrebbe garantire una collaborazione interprofessionale etica. L'emendamento avrebbe creato disorientamento nella corretta individuazione dei profili di responsabilità e nella sicurezza delle cure. La Federazione esprime ferma opposizione per ogni ipotesi di nuove norme ordinamentali, derivanti anche da decretazione, che ripropongano la presenza di medici nelle Farmacie.

La FNOMCeO ritiene che il lavoro in equipe tra diversi operatori sanitari si debba sostanziare nella messa in rete o nella creazione di spazi che consentano definite allocazioni di competenze, responsabilità e risorse.

MORBILLO: Allarme nella nazionale di pallanuoto tre cambi nel Settebello

morbillosette(ANSA) – ROMA- È allarme morbillo per la nazionale italiana di pallanuoto che parte oggi da Roma per Budapest dove parteciperà ai mondiali. Al caso di Valentino Gallo, attaccante mancino che nei giorni scorsi era stato fermato per la malattia infettiva e sostituito, se ne sono aggiunti in conseguenza degli immediati controlli disposti dalla Fin nel gruppo azzurro - apprende l'ANSA - altri due. Nelle prossime ore la federnuoto provvederà a sostituire gli atleti ammalati. La partenza del settebello per la capitale ungherese è prevista nel pomeriggio. La Federnuoto ha appena ufficializzato la notizia anticipata dall'ANSA sulla sostituzione di altri due giocatori, oltre a Gallo, in seguito «a malattie virali», come detto genericamente nel comunicato. Si tratta di Marco Del Lungo e Alessandro Velotto, il cui posto sarà preso da Stefano Tempesti (al ritorno in Nazionale) e Cristiano Mirarchi.

FNOMCEO: auguri Enpam per 80 anni. Cassa e Ordini sempre più uniti

enpam thumb medium250 250SIENA – "All'Enpam vanno gli auguri di tutta la categoria per questi primi 80 anni di attività", così il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici e degli Odontoiatri Roberta Chersevani. "La presenza del presidente dell'Enpam ai lavori del consiglio nazionale in questa ricorrenza conferma il percorso condiviso finora e indica ulteriormente la vicinanza con l'Ente", continua Chersevani.
"È rimarcabile come la nostra Cassa abbia ampliato il suo raggio d'azione, supportando i colleghi non soltanto nella fase post lavorativa ma anche nella più giovane età. Mi riferisco alle nuove tutele sulla genitorialità, ai mutui per acquistare casa e alla possibilità di iscrizione pensata per gli studenti degli ultimi anni dei corsi di laurea – ha detto il presidente della Fnomceo –. In futuro sarebbe auspicabile riuscire anche ad intervenire a favore dei colleghi in specializzazione evitando che si creino spezzoni contributivi. Su questo sappiamo di essere in sintonia con Enpam".
Agli auguri si associa la componente odontoiatrica. "Il nostro ente di previdenza ha accolto gli odontoiatri nel proprio ordinamento negli anni '90 in seguito all'istituzione del corso di laurea in odontoiatria ­– ricorda il presidente della Commissione albo odontoiatri Giuseppe Renzo – Trattandosi di una professione giovane, l'odontoiatria ha potuto vivere in modo pieno gli sviluppi estremamente positivi dell'ente di previdenza sia nel campo delle prestazioni pensionistiche sia nell'assistenza e nella qualità degli investimenti".
"L'Enpam ha mostrato lungimiranza aprendo ai futuri professionisti e proponendosi di tutelarsi prima ancora che entrino nel mondo del lavoro – sottolinea Renzo – Bene anche l'invito alle università a trattare i temi previdenziali nei loro percorsi di studio. Tutto questo è il frutto della forza progettuale di un ente che sa coinvolgere tutti".