Mar17102017

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Lazio POLICLINICO UMBERTO I : il Dg Domenico Alessio in scadenza lascia un disavanzo di 140 milioni in arrivo Vincenzo Panella

POLICLINICO UMBERTO I : il Dg Domenico Alessio in scadenza lascia un disavanzo di 140 milioni in arrivo Vincenzo Panella

 umberto I thumb medium250 250(AGENPARL) – Roma, 07 ago 2017 – A tre settimane dall'addio del direttore generale del Policlinico Umberto I, Domenico Alessio, al quale scadrà il contratto proprio il 30 agosto prossimo, l'azienda presenta un bilancio in passivo di 48 milioni di euro in più rispetto all'annualità precedente. Nel 2015 infatti le poste passive si fermavano, per così dire, a 92 milioni di disavanzo. Nel 2016 sono salite a 140 milioni di euro. La relazione del bilancio d'esercizio 2016 è strutturata in 197 pagine mentre la delibera approvata dal manager in scadenza è un documento mastodontico, addirittura pari a 565 pagine, dove viene raccontato l'intero iter attuativo del percorso economico e finanziario: costi di produzione, guadagni e investimenti. Tuttavia gli atti presentati non sono correlati della relazione del collegio dei sindaci revisori che avrebbero dovuto, oltreché approvare il documento, anche individuare e argomentare in merito alle poste per risanare il disavanzo. Domenico Alessio lascia l'ospedale universitario dopo essere arrivato, dalla direzione dell'ospedale San Filippo Neri in qualità di commissario straordinario nella primavera del 2012, ereditando dall'ex commissario straordinario Antonio Capparelli un'azienda in perdita per 80 milioni di euro. In quegli anni alla Regione Lazio sedeva la presidentessa Renata Polverini quanto alla Sapienza il rettore Luigi Frati. Oggi alla veneranda età di 78 anni (Alessio è del 1939), passa lo scettro a Zingaretti e Gaudio (rispettivamente presidente del Lazio e rettore dell'università) che dovranno cimentarsi a nominare un nuovo manager. Toto nomine a parte (uno dei nomi che circola è quello di Vincenzo Panella, direttore regionale delle Politiche della salute), il disavanzo prodotto dall'azienda, ovvero pari a 140 milioni di euro potrebbe pesare gravemente sul bilancio della Regione Lazio volenterosa di uscire a fine anno dal piano di rientro dal deficit e pareggiare le poste passive. Per Zingaretti inoltre un ottimo via libera alla rielezione alla presidenza.