Lun21052018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Lazio ORDINE DEI MEDICI ROMA : A Giugno il pronto soccorso informativo contro le fake news Magi un riferimento certo contro la disinformazione

ORDINE DEI MEDICI ROMA : A Giugno il pronto soccorso informativo contro le fake news Magi un riferimento certo contro la disinformazione

 fake news thumb medium250 250Farsi garante «contro la circolazione di notizie false o artatamente costruite come verosimili, mettendo le sue strutture ed i suoi esperti al servizio del mass-media e dunque dei cittadini». Nasce presso l'Ordine dei medici di Roma e del Lazio il primo "pronto soccorso informativo" contro le fake news in sanità. Una sorta di bollino blu realizzato in collaborazione con l'Associazione Stampa romana. Questo dopo la firma nei giorni scorsi del protocollo tra il presidente dell'Ordine, Antonio Magi, e da Lazzaro Pappagallo giornalista e segretario di Stampa Romana. l'Ordine dei medici metterà a disposizione un pool di esperti indicati anche dalle Societa' scientifiche che potranno essere consultati per sciogliere dubbi e fornire le informazioni più corrette in caso di notizie o eventi«Il punto - ha dichiarato Antonio Magi presidente dell'Ordine dei medici di Roma e provincia - è fornire ai professionisti della comunicazione e dunque ai cittadini un riferimento certo una sorta di pronto soccorso informativo capace di fornire il timbro della autentica interpretazione contro spiegazioni superficiali, ed evitare cosi querele temerarie. L'intento e soprattutto quello di fornire ai cittadini la garanzia di qualità contro informazioni non verificate e dannose». C'e' poi il problema derivante dagli errori, veri o presunti, dei professionisti e delle relative richieste risarcitorie. Per i medici, come per i giornalisti cio' si traduce in querele spesso infondate». Con trenta mila le richieste di risarcimento danni ogni anno di cui il 90% termina in assoluzione o archiviazione.