Gio21032019

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Lazio RIFIUTI ROMA: la capitale al collasso i magistrati della Corte dei Conti indagano sugli infortuni e malattie del 15% dei dipendenti AMA assenti

News Lazio

RIFIUTI ROMA: la capitale al collasso i magistrati della Corte dei Conti indagano sugli infortuni e malattie del 15% dei dipendenti AMA assenti

 Rifiuti1Non c'è solo la Procura a indagare sulle tonnellate di immondizia lungo strade e marciapiedi vicino ai cassonetti di raccolta , ma anche la Corte di conti che ha deciso di aprire un fascicolo sulla mancata raccolta saranno acquisiti i dati dei turni di lavoro e di assenza dei dipendenti, per verificare se i programmi siano stati rispettati o se, come si sospetta, ci siano stati comportamenti negligenti nella municipalizzata capitolina, le assenze tra malattie, infortuni e maternità , sono intorno al 15 per cento, i magistrati dovranno anche verificare se chi era in servizio abbia effettivamente svolto il lavoro l'inchiesta corre parallela a quella della Procura, scattata dopo decine di esposti presentati negli ultimi mesi da residenti e comitati di quartiere che, da nord a sud della Capitale, dal centro alla periferia, hanno consegnato agli inquirenti report fotografici di una Capitale letteralmente sommersa dalla spazzatura, il problema dell'immondizia non è di ora ma si è aggravato negli ultimi due anni, raggiungendo l'apice la scorsa settimana quanto fisiologicamente è aumentato il numero di rifiuti per le le festività natalizie, poi la carenza di siti di conferimento e di stabilimenti, il rogo che ha reso inutilizzabile uno dei quattro impianti di trattamento dei rifiuti, il Tmb Salario, e gli incendi che fino a tre giorni fa hanno distrutto almeno quindici cassonetti hanno posto la capitale in uno stato di rischio sanitario notevole e quindi meritevole di attenzione.