Mar19012021

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Lazio CORONAVIRUS: Fimmg Roma L'ordine Dei Medici non ha contezza del lavoro immenso dei medici della Regione 70.000 visite USCAR , 300 medici e 700 infermieri occupati.

News Lazio

CORONAVIRUS: Fimmg Roma L'ordine Dei Medici non ha contezza del lavoro immenso dei medici della Regione 70.000 visite USCAR , 300 medici e 700 infermieri occupati.

 coronavirus ospedale Fg thumb other250 250La sanità territoriale del Lazio, ha fatto la sua parte , meglio che in altre regioni per affrontare e contenere l'emergenza Covid. Nel Lazio i medici di medicina generale lavorano oggi ogni giorno almeno 12 ore. Ognuno di loro segue in media 20 pazienti covid degli 80 mila complessivi dimessi dagli ospedali o in quarantena. Sia in città che nei centri più piccoli. Con l'attività delle Usca, che nel Lazio hanno una "r" in più a significare che sono potenziate rispetto al confuso modello nazionale, ogni giorno effettuano almeno 200 visite domiciliari macinando migliaia di chilometri a Roma e nelle province del Lazio. Con l'azione degli equipaggi Usca-r dedicati all'Ares 118 si sono evitati centinaia di accessi impropri al pronto soccorso. Ad oggi questo gruppo di 300 professionisti e 500 infermieri ha condotto oltre 70mila visite domiciliari su indicazione di Asl e medici di famiglia. Nello stesso tempo assicura ogni giorno assistenza ai pazienti dei covid hotel, nelle rsa, nelle case di cura. Questa gente ha fatto e sta facendo la propria parte a fianco dei medici ospedalieri , degli specialisti, di tutti i medici ovunque e comunque impegnati. Prendiamo atto, viste le sue reiterate dichiarazioni, che il presidente uscente dell'Ordine dei medici di Roma nonché consigliere d'amministrazione dell'Enpam non ha contezza alcuna del lavoro svolto quotidianamente dai suoi iscritti medici uomini, donne, giovani, impegnati ogni giorno in prima linea. E' la conferma ulteriore e definitiva delle ragioni che ci hanno indotto a non volerlo più ai vertici dell'Ordine dei medici di Roma e provincia.