Mer20062018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Lazio

NEWS LAZIO

Anziani: medici di famiglia e forze dell'ordine contro le truffe

Ambulanza-al-Pronto-Soccorso(ANSA) - MILANO, 8 MAR - I medici di famiglia scendono in campo per aiutare gli anziani contro le truffe, di cui sono spesso vittime. A farlo i 537 medici di base della provincia di Monza Brianza, che distribuiranno 50mila brochure anti truffa nei loro studi, nell'ambito di un'iniziativa coordinata dalla Prefettura, e in collaborazione con l'Ordine dei Medici di Monza, Carabinieri, Polizia e Guardia di Finanza. ''La scelta di coinvolgere i medici di famiglia appare naturale - spiega Carlo Maria Teruzzi, presidente dell'ordine dei medici - perche' rappresentano una rete capillare sull'intero territorio, godono della fiducia dei loro pazienti, conoscono i problemi degli anziani, sono in contatto con le rispettive famiglie, e quindi in grado di individuare gli anziani piu' a rischio di raggiro''. L'anziano raggirato inoltre e' doppiamente vittima ''perche' puo' subire conseguenze anche sul piano clinico - conclude - andando incontro a reazioni di tipo depressivo e a fenomeni di autosvalutazione della propria immagine sociale. Anche se una sola truffa sara' evitata sara' un successo''.

Asl RmH:blocco delle assunzioni

RMH

ASL RmH:blocco delle assunzioni, a rischio chiusura il pronto soccorso psichiatrico di Albano, protesta dei sindaco.

Leggi tutto...

POLEMICA PER LA NOMINA DI UN DENTISTA ALL'AGR

AGR

A farla scoppiare l'articolo su di un quotidiano.

Leggi tutto...

Sentenza della cassazione sui certificati di malattia emessi senza visita

certificato-medicoUn mese di stop a medico che fa certificato malattia senza visita

Roma, 9 mar. (TMNews) - Stretta della Cassazione sui medici che chiudono un occhio con i lavoratori malati immaginari ma veri professionisti dell'assenteismo. Rischia un mese di sospensione dall'esercizio della professione il medico di famiglia che giustifica la mancata presenza in servizio del paziente senza neppure visitarlo: è infatti escluso che possa ammettersi l'esistenza di certificati di tipo "amnestico"*, in cui il sanitario si limiterebbe ad attestare quanto sostenuto dal cliente rispetto al proprio stato di salute nei giorni precedenti la redazione del documento. È quanto emerge, riporta il sito Cassazione.net, dalla sentenza 3705/12, pubblicata il 9 marzo dalla terza sezione civile della Cassazione. "Assente per indisposizione", se non addirittura "per malattia": così recitano, spesso, i laconici certificati rilasciati dal medico di famiglia, grazie alla convenzione col servizio sanitario nazionale, che sono poi inviati al datore di lavoro e all'ente previdenziale. Non bisogna dimenticare, a questo proposito, che la prestazione del sanitario nel giustificare l'assenza del lavoratore dal servizio si completa con la redazione di un modulario ad hoc, e ciò proprio per "responsabilizzare" il professionista: il medico, insomma, deve svolgere la funzione di certificatore delle patologie riscontrate per evitare comportamenti illeciti da parte dei clienti. È escluso che per evitare la sanzione disciplinare il professionista possa invocare la natura "amnestica"* di questo tipo di certificati, che sarebbero soltanto parvenze di attestazioni dal momento che proprio nulla certificano, limitandosi ad asseverare le dichiarazioni del (presunto) malato; in questo modo, infatti, il medico si presta a ingenerare il dubbio che l'assenza sia giustificata da una malattia accertata."

NdR: errore giornalistico, leggasi "anamnestico".
In allegato la sentenza, per gentile cortesia dell'Avvocato Chiara Rabbito.

pdfSentenza Cassazione 9 marzo 2012

Proposta di legge anche dal pd per l'innalzamento dell'eta' pediatrica

bambini
Atto Camera: 4921
Proposta di legge: DANIELA SBROLLINI (PD): "Innalzamento dell'età di competenza dell'assistenza territoriale pediatrica fino al compimento del diciottesimo anno" (4921)
Fase Iter: Assegnato alla XII Commissione Affari sociali
Proposta di legge C. 4921 Presentata il 1° febbraio 2012

L'Onorevole Daniela Sbrollini appartiene al gruppo PD - circoscrizione: Veneto 1 e dal 21/05/2008 e' Componente Commissione permanente XII Affari sociali, la stessa alla quale e' stato assegnato il suo disegno di Legge. Quindi in definitiva il disegno di legge e' presente in due Commissioni, Igiene e Sanita' per quanto riguarda il disegno Legge presentato da IDV e Affari Sociali per quello, uguale, presentato dal PD.

Innalzamento età pediatrica

INNOVATION DIET

INNOVATION DIET-INNOVAZIONE E FLESSIBILITA' PER L'ELABORAZIONE DEI TUOI PIANI NUTRIZIONALI

Il corso si terrà a Roma 17 marzo c/o Casale Tor di Quinto

Leggi tutto...

CONSENSUS CONFERENCE a cura del SIQuAS

conferenzaCONSENSUS CONFERENCE a cura del SIQuAS - Roma 16 marzo Policlinico Umberto I

Il Comitato Direttivo della SIQuAS, Società italiana per la Qualità nell'Assistenza Sanitaria invita a partecipare alla Consensus Conference per la presentazione della nuova Raccomandazione su "La qualità nell'integrazione tra sanità e sociale".
La Raccomandazione è il frutto di un Gruppo di Lavoro Nazionale di soci SIQuAS e di esperti di enti e organizzazioni terze che ha operato dal 2009 ad oggi.

La Consensus Conference si svolgerà il 16 marzo p.v. presso l'Aula A1-A2 del Dipartimento Maxillo Facciale del Policlinico "Umberto I°" dell'Università "Sapienza" di Roma in Via Caserta 6.

In allegato il modulo per la partecipazione

Invito.docx
Piantina con indicazioni stradali.pdf
Scheda iscrizione Consensus Conference.doc