Mer28062017

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg News Lazio

NEWS LAZIO

LANUVIO: Scoperta casa di riposo abusiva.

poliziadistato( Il Mattino 23 GIU)- Anziani curati da finti medici e cibi scaduti .Sigilli a una casa di riposo abusiva a Lanuvio. Non aveva ricevuto alcuna autorizzazione per avviare la sua attività dall'autorità competente e così, è finito nei guai il titolare della struttura, che è stato denunciato. Quando gli agenti della polizia del commissariato di Genzano ed Albano Laziale, sono entrati a sorpresa, il personale della struttura, in particolare «l'infermiera», ha cercato in tutti i modi di nascondere i dispositivi medici abusivamente applicati ai pazienti. Gesto che non è sfuggito ai poliziotti.
Il controllo, esteso a tutta la struttura, ha permesso di scoprire che, all'interno, vi erano 12 anziani, in gran parte non autosufficienti, la cui assistenza veniva demandata a personale non qualificato che esercitava abusivamente la professione medica.  Sono state trovate grosse quantità di farmaci, supporti e strumentazioni per l'assistenza di soggetti non deambulanti, con gravi problematiche respiratorie, nonché, nascosti all'interno di un freezer, generi alimentari scaduti.
Il titolare, 65 anni, originario di Frosinone, ha ammesso di non avere alcuna autorizzazione. È stato denunciato, in concorso con la pseudo infermiera e una cuoca, per abusivo esercizio di professione, commercio di sostanze alimentari contraffatte o adulterate, somministrazione di medicinali in modo pericoloso per la salute pubblica e per la disciplina della produzione e vendita delle sostanze alimentari e delle bevande. I pazienti sono stati riaffidati ai familiari.

SCREENING TUMORE MAMMELLA: Zingaretti sblocca investimento di 13 milioni

zingarettinew( La Repubblica 23 GIU)- Dopo la prevenzione, tocca alle tecnologie più avanzate - spiega il presidente della Regione Lazio - per tutelare la salute delle donne. "Firmo davanti a voi la delibera che sblocca il più grande investimento della storia della Regione Lazio per ammodernare le tecnologie per la prevenzione nei centri di screening in tutti i consultori della Regione". Lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, durante il convegno 'Il ruolo del volontariato nel percorso senologico' organizzato nella sala Tirreno della Regione a cui hanno partecipato le associazioni del volontariato.
"Dunque 13 milioni e mezzo per dimostrare che accanto alla ricostruzione del sistema sanitario regionale deve esserci un'anima e delle priorità- ha spiegato Zingaretti- è solo l'unione tra stato e volontariato che si migliora il sistema della qualità delle cure".
Parlando della delibera, Zingaretti ha sottolineato che "dopo la scelta importante sull'incremento della prevenzione era giusto investire sulle nuove tecnologie. Le più moderne e le più avanzate per continuare questa battaglia a difesa dei diritti delle donne. Sulle nuove reti abbiamo chiamato tutto l'associazionismo e il volontariato che sono vicini al tema della lotta al tumore al seno. Un mondo straordinario al quale questa volta possiamo dire ce l'abbiamo fatta. Stiamo ricostruendo la sanità del lazio e su patologie delicatissime come il tumore al seno solo insieme possiamo conquistare nuovi traguardi ma non più solo con sorrisi pacche sulle spalle".



FIMMG ROMA: Nasce il nuovo CRAL

cral2Il Consiglio Direttivo è così composto: Dr. Michele Lepore ( Presidente), Dr. Marcello Fornaseri, Dr. Loris Pagano, D.ssa Teresa Battista e Dr. Giancarlo Mattei.
Le proposte del CRAL potranno essere visionate entrando nel CRAL dalla pagina

http://www.cralfimmgroma.org

Il link per registrarsi:

http://app.wetipp.com/cral-fimmg-roma/register/

Il Consiglio Direttivo del CRAL auspica che le iniziative di varia natura intraprese siano gradite e si augura una ampia partecipazione degli iscritti (con famiglia).

Augura così un buon sorriso a tutti.

Si invitano tutti gli iscritti Fimmg Roma al Primo Evento Cral che si terrà venerdì 07 luglio alle 20.30 c/o vivaio Area Viva via Flaminia Nuova Km 7.5 Roma, un apericena per ritrovarsi tra amici e saperne di più.
L'invito è gratuito per ogni iscritto Fimmg Roma esteso ad un accompagnatore.

A venerdì 7 luglio!!!!!

DEMATERIALIZZATA: Configurare il computer per la dematerializzazione dei medici sostituti non inseriti nel SSN (Video)

tutordemaCome configurare il gestionale e quali sono i passaggi per abilitare il medico sostituto alla dematerializzazione delle ricette tutti i passaggi spiegati da Giampiero Pirro Responsabile della comunicazione Fimmg Lazio .

NB: IL TUTORIAL È VALIDO SOLO PER LA REGIONE LAZIO E PER LE REGIONI COLLEGATE CON IL SAC SOGEI

Leggi tutto...

LISTE ATTESA: Regione Lazio, approvati i piani delle Asl

listeattesa(AGI) - Roma, "Entra nel vivo l'attuazione del piano regionale straordinario per l'abbattimento delle liste di attesa presentato nelle scorse settimane dal presidente Nicola Zingaretti e dal Ministro della salute Beatrice Lorenzin. Lo comunica in una nota la Regione Lazio spiegando che con una determina della Direzione regionale della sanita', "ha approvato i piani presentati dalle singole Aziende, elaborati in base alle indicazioni del progetto regionale e che puntano a riportare nei tempi stabiliti dalla legge l'erogazione degli esami ecografici e le visite specialistiche maggiormente richieste e che oggi presentano una lista di attesa molto lunga. Per le visite specialistiche si tratta di quelle cardiologica, oculistica e dermatologica, le ecografie invece sono otto: del capo e del collo, mammella mono e bilaterale, addome superiore e inferiore, addome completo, ostetrica ginecologica". Le ecografie in piu' programmate dalle Aziende sono oltre 76mila mentre le visite specialistiche superano le 82mila. "La determina regionale - aggiunge la Regione nella nota - permette ora alle Asl di predisporre le misure operative necessarie per dare attuazione ai piani presentati. La partenza e' fissata al prossimo 10 luglio. Da quella data, secondo quanto previsto dal piano regionale saranno richiamati tutti i cittadini in attesa per chiedere loro di anticipare l'esame, in modo da riportare le attese nei tempi previsti dalla legge e tornare ad erogare le prestazioni con regolarita'".

LISTE D'ATTESA : Lorenzin, nel Lazio situazione inaccettabile

lorenzim nuevaRoma, 20 giu. (askanews) - ""Nel Lazio c'è una situazione oggettivamente inaccettabile sulle liste d'attesa per le visite specialistiche e poliambulatoriali che ho denunciato più volte anche al presidente Zingaretti"". Lo ha detto il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, intervenendo a Coffee Break su La7. ""Ora la Regione Lazio ha fatto una nuova legge mutuando quella dell'Emilia Romagna, vedremo a settembre il resoconto di questa applicazione se le Asl si sono organizzate in modo diverso per l'assorbimento di queste liste d'attesa"", ha aggiunto il ministro sottolineando che ""una 'best practice' esiste: in Emilia Romagna, per esempio, hanno deciso che l'intramoenia viene sospesa fino a quando non è stata assorbita la lista"".

CALDO : Operativo il piano della Regione Lazio per tutelare la popolazione a rischio

caldopianoOltre 40mila i cittadini coinvolti nel programma, 5mila in medici di famiglia operanti a Roma e nel Lazio Questa iniziativa, con gli ambulatori aperti il sabato e la domenica e con le Case della Salute, fa parte delle misure messe in campo dalla Regione Lazio per affrontare l'emergenza caldo
20/06/2017 -
Operativo il piano per tutelare dalle ondate di calore la popolazione più a rischio. Il piano è rivolto soprattutto gli anziani oltre i 64 anni, l'obiettivo è garantire l'assistenza nelle giornate con le temperature più alte, come quelle previste dai bollettini meteorologici dei prossimi giorni.
Copertura assistenziale assicurata da 5mila medici di famiglia in prima fila a Roma e nel Lazio per affrontare l'emergenza caldo. Dal 2013 ciascun paziente a rischio è inserito nel programma attraverso una scheda personale.
Oltre 40mila i cittadini coinvolti nel programma: di questi, 30mila presentano patologie respiratorie o cardiocircolatorie. In sei città del Lazio sono previsti specifici sistemi di allarme con l'obiettivo di modulare gli interventi. Si tratta di Roma, Latina, Frosinone, Viterbo, Rieti e Civitavecchia. I bollettini d'allarme saranno pubblicati ogni giorno sul sito del Ministero della Salute a questo indirizzo www.salute.gov.it e sul sito dell'Osservatorio del dipartimento di epidemiologia del Lazio: www.deplazio.net.
Il piano prevede sorveglianza attiva sulla popolazione identificata sulla base dei quattro diversi livelli di rischio definiti dall'Osservatorio epidemiologico regionale. I medici di medicina Generale possono includere i pazienti per tutto il periodo in cui il programma è attivo, privilegiando i pazienti con punteggio più elevato (livello 3 e 4). Gli accessi domiciliari verranno effettuati durante i giorni in cui sono previste condizioni climatiche a rischio per la salute (livello 2 e 3 del bollettino HHWWS).
Visite domiciliari in base ai livelli di rischio: il medico dovrà programmare le visite domiciliari entro le 72 ore se il sistema di sorveglianza meteorologica indica un livello di allarme medio, entro le 48 ore se il livello è appena superiore per i soggetti più suscettibili e a rischio e ripetutamente se l'allarme è rosso. Potenziata la rete dei servizi territoriali. Questa iniziativa, con gli ambulatori aperti il sabato e la domenica e con le Case della Salute, fa parte delle misure messe in campo dalla Regione Lazio per affrontare l'emergenza caldo.

LA CIRCOLARE ALLE ASL

LA CIRCOLARE AI MEDICI