Lun28052018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg Rassegna Stampa

RASSEGNA STAMPA

IL MESSAGGERO: I tagli per la spenfing review?. No, qui l'emergenza c'è da anni

spending review210 Gen- Intervista a Giuseppe Scaramuzza Coordinatore nazionale del Tribunale dei Diritti dei Malati

"Vagliare i piccoli disturbi negli ambulatori di quartiere"

Leggi l'articolo

LA STAMPA .IT: La Sanità in rosso fa crescere le tasse

sanità inrosso6 Gen- di Paolo Russo.     Aumenti dell’Irpef regionale fino a 138 euro. Per i fornitori 40 miliardi di pagamenti arretrati
 
Il rischio che il sistema sanitario stia diventando finanziariamente insostenibile lo ha denunciato il mese scorso Mario Monti e il Presidente Napolitano poco dopo non ha mancato di sollecitare innovazione e razionalizzazione del sistema, destinato altrimenti a crisi irreversibile. Ora i numeri del ministero della Salute dimostrano quanto quei timori non fossero infondati perché senza aumenti di tasse locali già nel 2011 ben 16 regioni avrebbero tinto di rosso i propri bilanci sanitari.  I dati del quarto trimestre, ultimi disponibili, evidenziano che prima di chiedere nuovi sacrifici fiscali ai contribuenti hanno chiuso il bilancio con leggeri attivi solo Lombardia, Veneto, Umbria, Marche e Abruzzo. Tutte le altre sarebbero andate in rosso. Il disavanzo maggiore lo avrebbe toccato il Lazio con 815 milioni, seguito dalla Sardegna con 283 milioni e il Piemonte con 260. Poi con gli aumenti delle addizionali Irpef e di balzelli locali vari i bilanci sono tornati a tingersi di blu, salvo che per Sardegna, Molise, Campania e Calabria. Ma per pareggiare i conti le Regioni in rosso hanno finito per tartassare i cittadini con aumenti di tributi locali e addizionali Irpef pari a 2,2 miliardi di euro nel 2011. Solo il Lazio ha fatto ricorso alla leva fiscale per 792 milioni.  E le cose non sono migliorate nel 2012, visto che l’aliquota media dell’addizionale Irpef, secondo l’osservatorio Uil sulle politiche territoriali, è passata da una media dell’1,19% all’1,49, che fanno altri 2,4 miliardi di euro prelevati dalle tasche dei contribuenti, che quindi per ripianare i deficit di Asl e ospedali in soli due anni hanno versato al fisco 5 miliardi in più. Il futuro è poi ancora meno roseo, con manovre varie che sforbiciano dal fondo sanitario altri 4,9 miliardi quest’anno e ben otto il prossimo. Le Regioni sono riuscite a far cancellare dalla legge di stabilità la norma che, per quelle in piano di rientro, anticipava a quest’anno la possibilità aggiungere un 1,1% alle aliquote delle addizionali Irpef regionali, senza alcuna esenzione per i redditi più bassi. Se ne riparlerà nel 2014.  Ma il salasso fiscale per la sanità nell’immediato non è scongiurato. Per le regioni in disavanzo sanitario c’è già oggi l’obbligo di applicare l’aliquota massima del 2,3, che non tutte applicano. Per quelle che in deficit non sono l’aliquota limite è dell’1,40%, ma se è dimostrata l’impossibilità di conseguire il pareggio di bilancio il prelievo può essere aumentato. L’Osservatorio Uil, in virtù dei tagli alla sanità, ha così previsto anche per quest’anno un aumento medio di 120 euro a testa dell’Irpef regionale, che diventano 138 nelle otto regioni in piano di rientro (Piemonte, Abruzzo, Lazio, Molise, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia). Ma il salasso fiscale non basta ad evitare i tagli delle prestazioni. Pochi giorni fa la Federazione di Asl e Ospedali (Fiaso) ha presentato un dossier dove numeri alla mano si sostiene che i tagli ai listini prezzi dei fornitori di beni e servizi sanitari non stanno funzionando, costringendo le aziende sanitarie pubbliche a tagliare prestazioni. C’è la Asl che sospende il servizio di dialisi notturno, l’ospedale che non passa più acqua e latte ai ricoverati e quelli che hanno difficoltà ad acquistare farmaci e protesi. Il Presidente della Toscana, Enrico Rossi è comunque moderatamente ottimista, «ma ad alcune condizioni: riprendere gli investimenti in sanità, facendo una battaglia europea affinché vengano defalcati dal deficit; rivedere il sistema di compartecipazione alla spesa sanitaria chiedendo di più ai redditi più alti ma senza colpire quel ceto medio che paga le tasse; fare un’operazione verità sui livelli essenziali di assistenza; razionalizzare ancora la spesa».  Un altro allarme sui conti della Sanità viene dalla Cgia di Mestre: l’ufficio studi calcola che i fornitori delle strutture ospedaliere sono in attesa di ricevere almeno 40 miliardi di euro di pagamenti arretrati. E al totale mancano i dati di 5 Regioni che non li hanno comunicati. In media i pagamenti sono a 300 giorni, con un record di 973 in Calabria. 

L' ESPRESSO: Non si taglia così un ospedale

scure sanita04 Gen- La scure di Bondi nel Lazio colpisce sprechi ed illegalità, ma rischia di amputare i " classificati".

Leggi l' articolo

IL FATTO QUOTIDIANO: La medicina al servizio dei conflitti di interesse

conflitto interessi03 Gen- "Se uno studioso ha anche un ritorno economico nella ricerca che conduce, la sua obiettività sarà in discussione"
di Giovanni Fava. Professore di Psicologia clinica-Università di Bologna

Leggi l'articolo

IL SECOLO XIX: Nuovi tickets con franchigia per recuperare 2miliardi di euro

tickets sanita31 Dic- Il progetto del ministro Balduzzi

Leggi 'articolo

IL GIORNALE: Sanità, guerra agli esami inutili, ma le regioni dicono no

RICETTA431 Dic- Coro di critiche. Disposizioni irrealizzabili

Leggi l'articolo