Lun23102017

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg Dalle Regioni FIRENZE: cura l'autismo con gli integratori: medico sospeso già finito sotto procedimento per le posizioni NO-VAX

FIRENZE: cura l'autismo con gli integratori: medico sospeso già finito sotto procedimento per le posizioni NO-VAX

 montinariIL Giornale Marta Proietti - L'Ordine dei medici di Firenze ha sospeso per sei mesi un dottore per via della prescrizione di integratori e fermenti lattici per curare l'autismo. Come racconta Repubblica.it, Massimo Montinari, il dottore della polizia, è finito sotto procedimento già alcuni mesi fa. La decisione dell'Ordine dei medici si basa sull'accusa di aver dato prodotti omotossicologici e integratori, tra i quali i fermenti lattici, ai pazienti malati di autismo. Il tutto senza saper dimostrare scientificamente l'efficacia delle cure. Il medico in questione era noto nella comunità per essersi schierato contro i vaccini tanto da prestarsi a fare perizie a genitori che chiedevano il risarcimento del danno da vaccino per il figlio malato di autismo. Inizialmente l'Ordine dei medici di Firenze aveva approfondito proprio questo punto, anche alla luce delle recenti radiazioni dovuto proprio a queste prese di posizione. Convocato dalla commissione disciplinare, Montinari non avrebbe però espresso contrarietà ai vaccini ma solo cautela riguardo al loro utilizzo. Non abbastanza per la radiazione. Diverso il caso del "protocollo Montinari", sul quale ha anche pubblicato un libro. Il dottore promette infatti che la sua terapia è in grado di curare l'autismo, causato alcune volte dal vaccino e in altre no. Ma delle sue parole non ci prove ma solo pazienti che hanno sborsato migliaia di euro. Da qui, la decisione della sospensione di sei mesi sulla quale però Montinari può presentare ricorso, congelando la decisione della commissione.