Gio14122017

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg Dalle Regioni VENETO : L' Azienda Ulss 9 ha attivato il piano di prevenzione delle patologie da elevate temperature

VENETO : L' Azienda Ulss 9 ha attivato il piano di prevenzione delle patologie da elevate temperature

 CaldoCRONACA DEL VENETO L' Azienda Ulss 9 ha attivato il piano di prevenzione delle patologie da elevate temperature a garanzia della popolazione fragile, bambini e anziani, nell'eventualità di situazioni climatiche pericolose durante l'estate. L'obiettivo è quello di essere quanto più tempestivi nell'azione di aiuto alle persone in difficoltà e nell'attivazione dell'intervento nei casi di patologie improvvise, come i colpi di calore. Il piano degli interventi è stato presentato da Denise Signorelli , Diret tore Sanitario, Luciano Mar chio r i, Direttore Dipartimento di Prevenzione, Pia Poppini (distretto 1-2), Ferdinando Vac cari (distr. 3), Ermanno Motta (distr. 4), Guglielmo Frapporti , segretario provinciale FIMMG, Roberto Borin , Direttore Distretto, referente Progetto e Nicola Zanetti , in rappresentanza Cen trale Operativa Terri to riale. Predisposta una campagna di informazione tramite i mass media locali per far fronte a eventuali stati di allerta provenienti dalla Regione. Verranno fornite informazioni e raccomandazioni relative alla prevenzione delle patologie da elevate temperature dirette alla popolazione a rischio. E' prevista la distribuzione di un nuovo volantino nelle sedi distrettuali e negli ambulatori, contenenti raccomandazioni chiare e dirette con numero verde (800 462 340). Identificazione della popolazione suscettibile , gra zie ad una sinergia tra medici di base per la segnalazione di pazienti in condizioni di fragilità richiedere assistenza programmata domiciliare e segnalare ai di stretti le varie situazioni. Ac ces so tempestivo a posti letto di residenzialità temporanea per venire incontro alle esigenze in tempi brevi di una struttura protetta. Collegamento con i servizi sociali dei comuni del territorio e a tutte le iniziative attive. Infine l'ampia diffusione dell'avviso di allarme climatico