Gio14122017

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg Dalle Regioni MANTOVA: Zolezzi del M5S replica all'Ordine dei medici: «Obbligo dei vaccini inutile e costoso, epidemia inesistente»

MANTOVA: Zolezzi del M5S replica all'Ordine dei medici: «Obbligo dei vaccini inutile e costoso, epidemia inesistente»

 Movimento-5-stelleMANTOVA. «Siamo a favore di raccomandazioni vaccinali e non di coercizioni. Lo dice anche un testo non medico, si chiama Costituzione. Siamo pesantemente contrari a un provvedimento catalogato dal ministro Lorenzin come «necessario e urgente» per un'epidemia inesistente (dato confermato dalle audizioni in Senato); un provvedimento senza alcuna copertura in fase di tagli a molti settori sanitari vitali». Così, il deputato cinquestelle Alberto Zolezzi replica al segretario provinciale dei medicina di famiglia, Piero Parenti, che in un intervento sul nostro giornale si chiedeva il perché i due parlamentari mantovani grillini, entrambi medici, non prendessero posizione sulla vicenda vaccini.
Ecco il testo integrale della risposta del parlamentare.
"Bene che il segretario dei medici di famiglia mantovani Piero Parenti si sia accorto che esiste finalmente un gruppo politico in Parlamento. I mercenari al Governo hanno fra l'altro attaccato pesantemente la salute e l'assistenza sanitaria dei cittadini e come unico gruppo politico stiamo cercando di porre un argine. Le ricordo che il Ministro Lorenzin affermò lo scorso febbraio che alcune cure praticate da un primario del Poma erano fuori linee guida, a me risultano oltre 1.000 di tali trattamenti.
Come mai dott. Parenti non si è mai espresso sul fatto che tale collega è rimasto primario? Il sistema sanitario nazionale rischia il collasso per insufficienza di risorse. Nell'ultimo anno 12,2 milioni di italiani hanno rinunciato o rinviato prestazioni sanitarie (1,2 milioni in più rispetto all'anno precedente, il 10% in più). Non solo: 7,8 milioni di italiani hanno dovuto utilizzare per le spese sanitarie tutti i propri risparmi o indebitarsi con parenti, amici o presso banche e istituti di credito vari. E la spesa privata per la sanità è salita a 35,2 miliardi di euro (+4,2% nel periodo 2013-2016).
Sono alcuni dei dati emersi dal VII Rapporto Rbm – Censis sulla Sanità in Italia, presentati pochi giorni fa in occasione del 7° Welfare Day. Non capiamo se il testo di Parenti sia stato condiviso con tutta la sezione Fimmg ma in ogni caso facciamo presente a lui che nel nostro territorio è in atto un'aggressione dell'aria (si vuole costruire il nono inceneritore), del suolo e delle falde (nitrati sempre più elevati anche in acqua potabile, nascosti dalla multiutility locale che non pubblica più i dati di qualità dell'acqua, fanghi da fuori regione -oltre 1.600 tonnellate sparse a Canneto dove risiede Parenti nel 2015- e rifiuti di ogni tipo sparsi ovunque), sarebbe auspicabile sentire la sua voce su questi problemi sanitari che penalizzano soprattutto i più piccoli (vedi metaemoglobinemia), visto che cogliamo una sua preoccupazione sul vasto tema "vaccini".
Non vorrei dovergli insegnare che le condizioni igieniche e la qualità dell'acqua sono correlate alla salute. Siamo a favore di raccomandazioni vaccinali e non di coercizioni. Lo dice anche un testo non medico, si chiama Costituzione. Siamo pesantemente contrari a un decreto che è la summa antipolitica della Lorenzin. Un provvedimento catalogato dal Ministro fra una giostra a Gardaland e l'altra come: "necessario e urgente" per un'epidemia inesistente (dato confermato dalle audizioni in Senato), un provvedimento senza alcuna copertura in fase di tagli a molti settori sanitari vitali. È necessaria adeguata farmacovigilanza.
Sulle frasi del parlamentare Sibilia le facciamo presente che il Ministro ha annunciato querela, lasciamo a chi di dovere dirimere il merito; le facciamo presente che Sibilia, laureato in biotecnologie, ha espresso la sua opinione sulla non laureata Lorenzin; che l'ex Sottosegretario Vicari dopo le dimissioni per aver accettato un rolex dopo un emendamento, ha detto che altri membri del Governo hanno accettato più di un rolex senza essere querelata, non sono stati resi noti i nomi per cui è lecito pensare che ci sia una certa complicità fra questi personaggi che stimola considerazioni spiacevoli su tutti loro.
Sibilia è il primo firmatario di 8 proposte di legge, fra cui alcune sul sistema bancario e l'istituzione della commissione d'inchiesta su MPS che riguarda anche il nostro territorio. Il Movimento 5 Stelle sta facendo politica per difendere tutti i cittadini, classe medica compresa, attaccata anche dall'interno da un certo atteggiamento disorientato che traspare dall'articolo pubblicato oggi con ampio spazio sulla Gazzetta di Mantova. Abbiamo tenuto numerosi incontri pubblici sul tema sanità e salute a cui Parenti non si è affacciato; tenteremo nelle prossime occasioni di far arrivare un invito diretto a Parenti visto che da quel che scrive non sembra seguire la cronaca locale né sanitaria né ambientale e questo rischia di sminuire tutta la classe che rappresenta e di ridurre l'empatia con tutti i pazienti in particolare i più piccoli.
Siamo a disposizione per confrontarci con lui sulle notevoli criticità del settore, fra cui quelle della progressiva sostituzione con "gestori" dei medici sul territorio".