Lun28052018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg Dalle Regioni SIENA: Facevano diagnosi con pendolino, Laureato ma non iscritto ordine esercitava nel senese con moglie ordine dei medici, niente di scientifico

SIENA: Facevano diagnosi con pendolino, Laureato ma non iscritto ordine esercitava nel senese con moglie ordine dei medici, niente di scientifico

  pendoloe(ANSA) - ABBADIA SAN SALVATORE (SIENA), 10 FEB - Diagnosticava malattie, anche gravi, ai bambini con il pendolino, prescriveva medicine alternative e proponeva terapie tattili per la guarigione. L'uomo, laureato in medicina ma non iscritto all'albo professionale, esercitava l'attività di medico appoggiandosi allo studio della compagna, regolarmente iscritta all'albo, a Abbadia San Salvatore (Siena). Entrambi sono stati deferiti all'autorità giudiziaria e all'albo dei medici per esercizio abusivo della professione. I due, secondo quanto riferito dai carabinieri, avevano aperto lo studio nel novembre scorso nel paese alle pendici del Monte Amiata dopo essere rientrati in Italia da un lungo periodo di permanenza all'estero. A far scattare le indagini sono state le denunce da parte di alcuni genitori dei piccoli pazienti. Secondo quanto ricostruito dagli uomini dell'Arma sarebbero 7 gli episodi già scoperti in cui l'uomo avrebbe effettuato diagnosi con l'utilizzo del pendolino o proposto non meglio definite 'terapie tattilì. «Sono cose che nulla hanno a che fare con la scienza e con l'esercizio della professione medica». Così Roberto Monaco, presidente dell'ordine dei medici di Siena e segretario nazionale della federazione medici italiani, raggiunto telefonicamente dall'ANSA, ha commentato la notizia del deferimento di due persone per esercizio abusivo della professione per aver effettuato diagnosi col pendolino. «Non possiamo permettere che ciò avvenga», ha aggiunto Monaco specificando come queste pratiche «siano fuori dal mondo che la scienza ci impone, cioè l'evidenza». «Il nostro albo deve garantire che la salute dei cittadini sia garantita da professionisti: saremo al fianco della giustizia», ha concluso Monaco.