Sab21042018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg Dalle Regioni NAPOLI: Medici e infermieri aggrediti in pronto soccorso, 5 feriti

NAPOLI: Medici e infermieri aggrediti in pronto soccorso, 5 feriti

 PSpellegriniNapoli, (Adnkronos) - Un extracomunitario trasportato dal 118 nel pronto soccorso dell'ospedale Vecchio Pellegrini di Napoli ha aggredito 5 tra medici e infermieri che lo stavano soccorrendo. Il fatto è avvenuto questa mattina intorno alle 11 e a renderlo noto è il rappresentante Uil Fpl Antonio Eliseo. L'aggressore, spiega ancora Eliseo, si è poi scagliato contro il desk del pronto soccorso danneggiando i computer prima di essere fermato dalle forze dell'ordine. A uno dei 5 feriti è stato diagnosticato un sospetto trauma cranico ed è stata disposta una tac, mentre per gli altri la prognosi è compresa tra i 3 e i 5 giorni. «Siamo in prima linea senza adeguate tutele - dichiara Eliseo - e siamo costretti a lavorare insieme ai medici sotto continua pressione. Negli ultimi 2 mesi si sono verificati 6 episodi del genere, così non si può andare avanti. Le violenze devono finire». Il consigliere regionale campano dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, componente della Commissione Sanità del Consiglio regionale della Campania, esprime la propria solidarietà alle persone aggredite e ricorda che «in molti ospedali campani si assiste a episodi di violenza inaccettabili. Non è possibile - aggiunge Borrelli - che i pronto soccorso dei nosocomi sempre più spesso diventino teatro di risse e aggressioni da parte di delinquenti o sbandati di turno. Bisogna tutelare il personale medico e quello infermieristico con una maggiore presenza delle forze dell'ordine e punire severamente i protagonisti di queste aggressioni, che siano extracomunitari o italiani, perché mettono a repentaglio la vita propria e degli altri ricoverati», conclude.