Mer12122018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg Dalle Regioni CATANZARO: Truffa a carico SSN, denunciati medici e farmacista

CATANZARO: Truffa a carico SSN, denunciati medici e farmacista

 farmaci-contraffatti-aifa-guida thumb medium250 250Truffa aggravata al SSN e ricettazione, queste le denunce a carico di due medici di medicina generale ed un farmacista, sollevati dal NAS di Catanzaro. Le indagini sono partite nell'ambito di un controllo eseguito presso lo studio di medicina generale di uno dei medici denunciati, nel quale era assente la persona interessata ma presente un altro medico in pensione, subentrato al primo.
Nel corso delle indagini i Carabinieri del NAS di Catanzaro hanno accertato che il medico subentrato, peraltro in pensione, non solo prescriveva indebitamente farmaci ai pazienti, utilizzando il ricettario intestato al medico titolare, ma i due facevano iperprescrizioni veicolate poi, dallo stesso medico in pensione, verso la farmacia gestita dal figlio farmacista. Farmacia nella quale venivano erogati i farmaci per conto degli ignari pazienti e chiesto il rimborso al SSN. I Carabinieri del NAS di Catanzaro hanno fatto sapere di aver sequestrato presso lo studio medico in oggetto circa 200 confezioni di medicinali ad elevato costo.
Quello dei Carabinieri del NAS di Catanzaro non è il primo caso del 2018: un'altra attività ispettiva era stata effettuata nel febbraio 2018 dal Nucleo anti-sofisticazioni di Campobasso, nella quale nel corso di controlli eseguiti presso una farmacia della provincia di Isernia, erano state rinvenute decine di confezioni di medicinali scaduti di validità e rilevato carenze igienico-strutturali nei locali adibiti a deposito e vendita. In gennaio 2018 invece una serie di operazioni del Nas dei Carabinieri avevano portato a denunce per alcuni farmacisti tra Caserta, Cosenza, Roma e Napoli.