Mer12122018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg Dalle Regioni MANTOVA: stop all'accesso diretto negli ambulatori di Guardia

MANTOVA: stop all'accesso diretto negli ambulatori di Guardia

 guardia2jpg(Gazzetta di Mantova) (MANTOVA) Dottoresse aggredite di notte negli ambulatori di guardia medica. Sole, indifese, bersaglio di sbandati, ubriachi e tossicodipendenti. È successo anche di recente in un piccolo comune del Salento, senza dimenticare il drammatico caso avvenuto l'anno scorso nel Catanese dove una dottoressa è rimasta in balia del suo violentatore per ore prima di riuscire a fuggire.
E così anche nel Mantovano, come avvenuto in altre città, l'Ats Val Padana ha deciso di correre ai ripari per tutelare l'incolumità dei camici bianchi che operano negli ambulatori di continuità assistenziale (ex guardia medica) dopo aver raccolto la loro legittima preoccupazione.
In base alle nuove disposizioni da circa due mesi negli ambulatori di guardia medica i pazienti potranno accedere esclusivamente previa telefonata gratuita al numero verde (800 - 533167), con l'operatore che provvederà a registrare i dati anagrafici del richiedente. Alcuni pazienti hanno già preso visione della novità leggendo i cartelli affissi in queste ultime settimane sulla porta degli ambulatori. Rispetto a prima non cambia nulla per quanto riguarda la modalità di erogazione della prestazione, salvo l'obbligo di chiamata prima di ricevere cure e visite. E sarà come sempre a discrezione del medico offrire una consulenza telefonica o una visita domiciliare o in ambulatorio.
Il cartello affisso nelle sedi dove prima di accedere è necessario telefonare al numero verde
L'accesso diretto nelle sedi della guardia medica, fanno sapere dall'Ats Val Padana, è stato limitato per motivi di sicurezza e a tutela dell'incolumità del medico di guardia che nelle ore notturne si trova perlopiù da solo.Solo in tre ambulatori, quelli più visibili e aperti di giorno, sarà ancora possibile recarsi direttamente nella fascia diurna, dalle 8 alle 20: Mantova (via Hrovatin 2), Goito (statale Goitese 313), Castel Goffredo (via San Pio X 19), oltre a quelli pediatrici di Suzzara (via Cadorna 2) e Castiglione delle Stiviere (via Ordanino 11). Nella fascia dalle 20 alle 8 anche in questo caso è necessario telefonare al numero verde.
Il servizio di guarda medica assicura le visite mediche urgenti al domicilio negli orari durante i quali il medico e il pediatra di famiglia non sono tenuti ad esercitare la loro attività: tutte le notti dalle 20 alle 8 di mattina e sabato, domenica, festivi e prefestivi dalle 8 alle 20. Le prestazioni nelle sedi della guardia medica sono erogate solo in casi eccezionali per motivi che il medico di turno avrà valutato come indifferibili.
In pratica il paziente telefona al numero verde ed esprime la sua necessità di assistenza. L'operatore raccoglierà le prime informazioni per valutare se la chiamata dovrà essere girata al 118 o alla guardia medica. Provvederà poi a registrare i dati anagrafici del chiamante. In caso di coinvolgimento della guardia medica il paziente sarà messo in contatto diretto con il medico che a quel punto deciderà se optare per la visita domiciliare o concordare una visita in ambulatorio. In provincia di Mantova le sedi attive della guardia medica sono 14, con un totale di 83 medici. Nel 2017 i contatti sono stati più di 36mila, divisi tra visite domiciliari, consulenze telefoniche e accesso agli ambulatori. Due chiamate su tre arrivano tra le 20 e la mezzanotte.