Mer16012019

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg Dalle Regioni NAPOLI: feste natalizie studi chiusi, Fimmg si va verso la catastrofe Omceo Rivolgetevi alla Continuita' Assitenziale

NAPOLI: feste natalizie studi chiusi, Fimmg si va verso la catastrofe Omceo Rivolgetevi alla Continuita' Assitenziale

 pronto-soccorso-di-nuovo-caos-505020 thumb large300 300«Siamo sconcertati per la totale assenza di programmazione, che quest'anno porterà a 10 giorni di mancata assistenza sul territorio e il conseguente possibile sovraffollamento dei pronto soccorso. Da 21 dicembre al 31 gli studi dei medici di medicina generale resteranno chiusi. Più volte abbiamo cercato un dialogo con le istituzioni regionali chiamate a governare queste situazioni, ma senza riscontro. Possibile che qualcosa di tanto prevedibile come un calendario possa diventare emergenza?».cosi la Fimmg Napoli per bocca di Corrado Calamaro e del Segretario Luigi Sparano, la situazione dicono «si annuncia drammatica, ma che nessuno tra i 'decision maker' ha voluto affrontare, in un piano serio di programmazione non si può non tener conto di una tale eventualità. Non è possibile lasciare la cittadinanza a se stessa in periodo di festività e ad un passo dal picco influenzale. La catastrofe assistenziale è dietro l'angolo e si potrebbe generare un vero e proprio effetto domino sui pronto soccorso degli ospedali, come era facilmente intuibile, in questi giorni i nostri studi si stanno riempiendo di pazienti, molti dei quali con complicanze anche importanti legate a virosi e influenza. Cosa faranno i nostri pazienti quando avranno bisogno del medico di famiglia e troveranno gli studi chiusi? Correranno in ospedale, Dovremmo imparare dagli errori, non certo ripeterli. Invece, l'esperienza dello scorso anno sembra non aver giovato: ci si attendeva una stagione influenzale di media intensità e invece è stata una delle più dure degli ultimi anni"