Gio16082018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg Dalle Regioni

DALLE REGIONI

BRESCIA: le vaccinzioni antiinfluenzali non più dal medico. Si ritorna alle asl

vaccinazione influenzaCorriere di Brescia 6 Ott- Dopo dodici anni di convenzione con i medici di medicina generale, l' Azienda sanitaria locale di Brescia ha deciso di riportare all'interno delle proprie strutture le vaccinazioni gratuite agli ultrasessantacinquenni e a tutte le categorie a rischio avvalendosi di medici interni - I medici di famiglia che durante la campagna dello scorso anno hanno vaccinato 140mila persone anziane o appartenenti a categorie a rischio. potranno continuare a garantire la vaccinazione alle persone in assistenza domiciliare integrata o programmata e a coloro che hanno difficoltà di deambulazione. Di queste, lo scorso anno hanno usufruito del servizio 5.400 persone. Le ragioni di un passo indietro sono, per l'Asl, di natura economica consentendo-a detta del Direttore generale Scarcella - il risparmio di un milione di euro. Il rischio però , perdendo la capillarità garantita dal medico di famiglia, è che la gente possa rinunciare alla vaccinazione. <<Prima del 2000, quando è iniziata la campagna vaccinale negli ambulatori dei medici di famiglia ambulatori, veniva vaccinato il 15% delle persone che avevano diritto. Poi, la percentuale è salita al 70%, con punte del 94% in Val Camonica. >>, affermano i rappresentanti dello Snami e Umi, << perché in altre Asl lombarde, compresa quella della Valcamonica, continuano ad essere loro a svolgere l'atto medico della vaccinazione antinfluenzale. Quel che temiamo è che molte persone, che rientrano nelle categorie a rischio, decideranno di non vaccinarsi, con le conseguenze che si possono immaginare sui costi per la sanità pubblica nel caso in cui si ammalino di influenza e richiedano addirittura ricoveri in ospedale perché anziani e con altre patologie concomitanti >>.

DOPING:Farmacista e due medici arrestati

farmaci(ANSA) - BOLOGNA, 5 OTT - Trentacinque perquisizioni, sette ordini di custodia cautelare (tre in carcere e quattro ai domiciliari) e un obbligo di dimora, nei confronti di persone - tra cui un farmacista, due medici di medicina generale del Pesarese e un gestore di un negozio di integratori alimentari - ritenute responsabili di falso in atto pubblico, truffa ai danni del Servizio sanitario nazionale, spaccio di stupefacenti, cessione e somministrazione di sostanze dopanti. Li stanno eseguendo, dalle prime ore della mattinata, circa 200 carabinieri del gruppo per la tutela della salute di Roma e della stazione di Misano Adriatico, della Compagnia di Riccione e dei comandi provinciali di Rimini, Pesaro Urbino, e Livorno, in Emilia-Romagna, Marche e Toscana. I particolari dell'operazione 'Fantamuscles' saranno resi noti in una conferenza stampa a Bologna, alle 10.30, al comando legione carabinieri di via dei Bersaglieri 3

ESENZIONI PER ZONE TERREMOTATE: da oggi in vigore le nuove indicazioni

terremotoFERRARA. Per chi è stato colpito dal terremoto nuove indicazioni per ottenere le esenzioni ticket per le prestazioni sanitarie. La proroga  è valida fino al 31 dicembre.Gli aventi diritto possono recarsi agli sportelli della propria Asl per farsi rilasciare il tesserino. Contestualmente dovrà presentare la copia di un documento di identità valido e una copia dell`ordinanza del sindaco di inagibilità/sgombero dell`abitazione, studio professionale o azienda.chi non è in possesso di tale ordinanza, è sufficiente copia della scheda "AeDes".
Per informazioni è possibile telefonare al numero gratuito del Servizio sanitario regionale 800 033 033, tutti i giorni feriali dalle ore 8.30 alle ore 17.30 e il sabato dalle 8.30 alle 13.30.

SICILIA: nuove tariffe per prestazioni specialistiche ed analisi

sicilia-2012Tagli del 70 per cento ai rimborsi dei laboratori d'analisi si abbatte una stangata sui laboratori d'analisi il ministero impone alla Regione una drastica riduzione delle tariffe per gli esami e gli accertamenti clinici.  tariffe che finora, per alcune prestazioni, hanno goduto dei rimborsi più alti d'Italia da parte della Regione che  ora dovrà decidere se e come recepire il decreto ministeriale. A decidere sarà la prossima giunta di governo. E così per i laboratori d'analisi ancora lacerati da uno scontro interno sul provvedimento che prevede la nascita dei consorzi e la soglia minima delle centomila prestazioni per essere accreditati dalla Regione, si abbatte un'altra tegola che colpisce indistintamente i "grandi" e i "piccoli".

Alcuni esempi: oggi la Regione rimborsa 12,33 euro per una curva da carico di glucosio, col nuovo tariffario il rimborso scenderebbe a 3,33 euro,  il 72,5 per cento in meno. Per il colesterolo, invece, si passerebbe dai 2,08 euro attuali a 67 centesimi a prestazione, meno 67,8 per cento. Per il ferro la riduzione è del 47 per cento, da 2,16 a 1,14 euro previsti nel nuovo tariffario. Conti alla mano, la riduzione media sarà del 37 per cento.

Medici di famiglia multati per scarsa percentuale di certificati on line

brunettaI medici di famiglia di Pavia fanno causa all'Asl. Stanno partendo i ricorsi contro l'azienda sanitaria che ha multato i medici che non hanno superato l'80% delle prescrizioni on line. Sono 105 i professionisti sanzionati che si sono rivolti prima al sindacato e poi all'avvocato. Il tutto a causa di uno sciopero telematico avvenuto nei mesi di Nei mesi di ottobre, novembre e dicembre, in cui i medici spegnendo il sistema SISS ha effettuto l e prescrizioni a mano. Un medico ogni quattro, in provincia di Pavia, è stato sanzionato. Quasi tutti per aver aderito alla protesta sindacale. Anche tra gli altri 325 che invece non sono stati penalizzati e hanno raggiunto l'80% delle prescrizioni on line c'era chi aveva scioperato. Ma il numero di certificati compilati era così elevato che ha fatto superare l'asticella. Ci sono poi casi particolari legati a problemi tecnici riconosciuti ma non risolti, come i tre medici di famiglia che lavorano in una zona in cui manca completamente la connettività

CASERTA: Mondragone. I pazienti possono ricorrere alle farmacie convenzionate per i presidi per diabetici, c'è la disposizione dell'AsI

 diabeteDal 1 ottobre 2012 i presidi per diabetici saranno in distribuzione nelle farmacie convenzionate della provincia. Questo è quanto è stato deciso dall'ASL Casería. I pazienti diabetici censiti dai distretti dell'ASL devono presentare in farmacia la propria tessera sanitari, in corso di validità per poter ritirare il quantitativo assegnato o di persona o, delegando per iscritto un familiare provvisto della tessera sanitaria dell'assistito. I nuovi pazienti per accedere al diritto e ottenere i presidi, prima di tutto  dovranno presentare una richiesta e recarsi dal diabetologo per la predisposizione del piano terapeutico. Per la consegna dei presidi, l'utente potrà recarsi in farmacia già dal primo di ogni mese e fino al 30-31, avendo diritto a ritirare un dodicesimo del suo fabbisogno annuale. Il mancato ritiro nel corso di un intero mese comporta la perdita della quantità spettante che non potrà più essere recuperata nel mese successivo. La vecchia card elettronica non è più valida. Nel caso che la tessera sanitaria fosse scaduta è necessario recarsi presso gli uffici distrettuali dell'ASL per il ritiro del duplicato provvisorio da esibire al momento del
ritiro dei presidi in farmacia. Per facilitare il primo accesso è preferibile, ma non obbligatorio, portare con sé, se disponibile, l'ultimo piano terapeutico.