Dom27052018

Ultime notizie:
Messaggio
  • EU e-Privacy Direttive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

    Leggi la documentazione e direttive e-Privacy

Back Sei qui: Home NEWS News Fimmg Dalle Regioni

DALLE REGIONI

FIMMG Formazione Molise si unisce alla protesta dei corsisti di Medicina Generale della Regione.

giovani-medici-5 thumb250 250"La Regione ha accumulato un ritardo di 5 mesi nell'erogazione delle borse di studio per i Medici in Formazione Specifica in Medicina Generale del Molise. Ritardo burocratico che si ripete annualmente da parte della Regione Molise, non più accettabile ed offensivo nei confronti dei Medici in Formazione che si vedono negata l'unica fonte di reddito con la quale sostenere spese personali, familiari e professionali. " Lo chiarisce in una nota la Fimmg Formazione Molise in merito al ritardato pagamento degli stipendi delle borse. "Nonostante gli sforzi del coordinamento delle attività pratiche e teoriche per migliorare l'offerta formativa il corso di formazione in Medicina Generale è continuamente vilipeso nella dignità stessa dei suoi frequentatori. Un professionista che per legge non può svolgere altra attività se non la frequenza del percorso formativo non può vedersi ridotto alla fame da burocratismi e comportamenti omissivi di un ente, la Regione Molise, che continua a sottovalutare la reale condizione di medici che nel pieno della ragione dovrebbero veder riconosciuti i propri diritti. "

BARI: Basta con la violenza contro i medici : I medici di guardia si riuniscono in assemblea.

guardiamedicaIl tema della violenza nei confronti dei medici di guardia medica continua a suscitare preoccupazione da parte dei medici. Ogni giorno sono mediamente tre gli episodi di violenza che l'Inail registra nei confronti degli operatori sanitari in Italia. La Puglia detiene il triste primato di essere la Regione con il maggior numero di episodi con il 25% di quelli che sono evidenziati dai mass media.
Il tributo di sangue pagato dai medici è altissimo. Due dottoresse assassinate barbaramente: Maria Monteduro a Gagliano del Capo nel 1999 e Paola Labriola a Bari nel 2013.
I medici di guardia della FIMMG si riuniscono oggi in Assemblea Provinciale presso l'Ordine dei Medici di Bari -Via Capruzzi 184 - alle ore 13,00 per ascoltare il resoconto della collega Ombretta Silecchia che ha preso parte ai lavori dell'incontro dell'Osservatorio Nazionale sugli atti di violenza nei confronti del personale sanitario tenutosi presso il Ministero della Salute il giorno 11 Aprile 2018 alla presenza del Ministro Beatrice Lorenzin.
Nel corso dell'assemblea sarà presentato il documento sulla sicurezza sottoscritto da tutte le organizzazioni sindacali e consegnato al Presidente Emiliano con il quale si invita il Governo Regionale a chiudere tutte le sedi di guardia non in regola con le norme sulla sicurezza.
All'incontro interverranno il Segretario Provinciale della FIMMG Nicola Calabrese, il segretario Regionale del settore dott. Pietro Drago ed il Presidente dell'Ordine di Bari Filippo Anelli.

FRIULI VENEZIA GIULIA: al via la prima medicina gruppo integrata 12 ore

ospedale thumb other250 250(ANSA) - TRIESTE, Prima Medicina di Gruppo Integrata h12, cioè attiva dalle 8 alle 20, in provincia di Pordenone e in Friuli Venezia Giulia. È nata a Spilimbergo da pochi mesi, per iniziativa di sette medici di medicina generale che hanno deciso di associarsi concretizzando una linea di indirizzo programmatica dell'Azienda per l'Assistenza Sanitaria 5 «Friuli Occidentale». L'obiettivo, spiega l'Azienda, è armonizzare l'orario di accesso all'attività ambulatoriale, assicurare una migliore continuità assistenziale, attuare iniziative di promozione della salute e di prevenzione, perseguire l'integrazione assistenziale con i presidi ospedalieri e gli altri servizi coinvolti nei processi di cura. La Medicina di Gruppo Integrata si integra con il Servizio di Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica) per garantire una copertura delle esigenze di cura del cittadino sette giorni su sette; evita inoltre l'accesso dei cosiddetti codici bianchi nel Pronto Soccorso dell'ospedale di Spilimbergo. «L'unione ci consente di lavorare meglio e soprattutto di offrire un servizio migliore a tutti i nostri pazienti - afferma uno dei medici coinvolgi nell'iniziativa, Stefano Zavagno - il rapporto tra medico e paziente deve assolutamente rimanere invariato ma in caso di necessità, qualora l'orario di ambulatorio non consenta di rivolgersi al proprio medico curante, il paziente può contare su uno degli altri colleghi della Medicina di gruppo. I medici sono infatti collegati in rete - conclude - così da condividere le informazioni sui pazienti e conoscendo anche i farmaci che normalmente questi assumono».

LOMBARDIA: indagine sui farmaci, acquisiti documenti su flussi informativi e contabili del 'file f'

farmaci-contraffatti-aifa-guida thumb large300 300"Gli uomini della Guardia di Finanza, inviati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano hanno perquisito gli uffici della Struttura Farmaco, dispositivi e HTA della Direzione generale Welfare. L'intervento era finalizzato all'acquisizione di documentazione relativa alle attivita' di controllo e gestione dei flussi informativi e contabili originati da strutture ospedaliere private in merito all'utilizzo di farmaci classificati come 'File F' (termine con cui si codificano farmaci acquistati direttamente dagli ospedali, ma a carico del Sistema sanitario nazionale) e al loro collegamento con ditte produttrici di tali farmaci". Lo ha detto l'assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera, questa mattina, a Palazzo Lombardia rispondendo alle domande dei giornalisti a margine della presentazione del volume "I numeri del cancro".
NESSUN FUNZIONARIO INDAGATO - "Al momento - ha spiegato l'assessore - nessun funzionario regionale ci risulta essere iscritto nel registro degli indagati".
MASSIMA COLLABORAZIONE CON MAGISTRATURA - "Regione Lombardia- ha concluso Gallera -, come al solito, ha fornito la massima collaborazione alla Magistratura mettendo a disposizione tutta la documentazione richiesta. Attendiamo di conoscere gli sviluppi dell'indagine, che appare in fase embrionale, per comprendere se ci sia stata una truffa ai danni della Regione. Se cosi' fosse, come il presidente Fontana ha gia' annunciato, non esiteremo a costituirci parte civile".

ABRUZZO : Cure primarie, nuovi uccp a Chieti E Francavilla

ospedale-chietiLa Giunta regionale, su proposta dell'assessore alla Programmazione sanitaria Silvio Paolucci, ha approvato la delibera che consente l'attivazione definitiva delle Uccp (le unità complesse di cure primarie) a Chieti e Francavilla al Mare. L'importo complessivo del finanziamento, accordato alla Asl Lanciano-Vasto-Chieti, ammonta a un milione e 764mila euro, destinati a finanziare l'apertura delle due strutture, in cui opereranno in forma aggregata e funzionale, medici e specialisti convenzionati, oltre a medici di continuità assistenziale. Le Uccp rappresentano il modello organizzativo delle Aggregazioni Funzionali Territoriali (AFT), previste dall'accordo collettivo sulla medicina generale del 2009 e disciplinate in Abruzzo da un decreto commissariale del marzo 2016. All'inizio del 2017, il direttore generale della Asl Lanciano-Vasto-Chieti aveva individuato le ubicazioni delle due Uccp di Chieti e Francavilla al Mare: la prima sarà ospitata nei locali al piano terra dell'ex presidio ospedaliero Santissima Annunziata (per un costo di realizzazione pari a 758mila euro); la seconda nell'ex Istituto Padovano, uno stabile di proprietà del Comune, con il quale è stato siglato uno specifico accordo (in questo caso l'investimento per l'adeguamento dell'immobile è di circa un milione di euro). In totale gli utenti che potranno fare riferimento alle due nuove strutture sono quasi 90mila, calcolati sul numero degli assistiti affidati ai medici di medicina generale: 44235 a Chieti e 45398 a Francavilla al Mare.

BARI: Fimmg, la ASL deve garantire la sicurezza nelle sedi di Guardia Medica.

medici99 thumb other250 250E' stato ufficialmente consegnato alla Direzione Generale della ASL Bari nel corso della seduta del Comitato Permanente Aziendale del 22/03/2018, la ricognizione effettuata da un gruppo di lavoro di medici di Continuità Assistenziale della FIMMG dello stato delle sedi di guardia. Nel lavoro consegnato ai vertici aziendali sono stati individuati diversi criteri di valutazione dell'idoneità delle strutture e sono state esaminate tutte le sedi di guardia insistenti sul territorio della ASL BA per verificare se e in che misura i criteri sono soddisfatti.
"Il risultato delle nostre valutazioni non è affatto incoraggiante rispetto a nessuno dei criteri individuati, ma il settore che rivela il deficit più grande e che desta più allarme è quello che riguarda la sicurezza delle sedi" ha dichiarato il dott. Pietro Drago, Segretario Provinciale FIMMG del settore Continuità Assistenziale. "Il problema della sicurezza dei medici è il più urgente da affrontare e risolvere perché non si può pensare di rischiare l'incolumità fisica per il lavoro"- prosegue il dott. Drago. "Il 60% delle sedi di C.A. nella nostra azienda sono gestite da un singolo medico per turno e dei 250 medici in organico, ben 120 sono donne. Non è secondario, infine, sottolineare che garantendo la sicurezza dei medici si garantisce anche un servizio migliore i cittadini".

Negli ultimi mesi i casi di aggressioni ai medici di guardia riportati dalle cronache sono stati numerosissimi. Ma anche nei casi in cui non vi sono minacce esplicite alla sicurezza non è accettabile che continui ad operare in sedi indecorose con pochissime attrezzature e farmaci, tutt'altro che degne e a norma. Se si trattasse di strutture di privati, la stessa ASL BA le avrebbe chiuse tutte da tempo.

"Ci aspettiamo che l'ASL, sulla scorta del lavoro fatto si adoperi senza ritardo per porre rimedio a tutte le situazioni rilevate" ha concluso il dott. Drago. L'auspicio del sindacato FIMMG è che il documento di ricognizione possa diventare strumento per avviare il processo di messa in sicurezza e di adeguamento dei luoghi di lavoro. Il nostro senso di responsabilità ci porta a collaborare con la direzione generale, ma i medici aspettano risposte certe e non sono più disponibili ad accettare situazioni come quelle in cui in questo momento si lavora.